La IFPI: '21' di Adele ha venduto altre 8.300.000 copie

La IFPI: '21' di Adele ha venduto altre 8.300.000 copie

Ennesimo riconoscimento per Adele a pochi giorni dalla conquista, con "Skyfall", del premio Oscar per "Miglior canzone originale". La statuetta era peraltro arrivata sulla scia del Grammy per "Best pop solo performance" e dal Golden Globe per "Miglior canzone originale" ancora con "Skyfall". Per tacere poi di tutte le conquiste del 2012. E di quelle del 2011. Insomma una parata incensatoria a non finire. Al florilegio di premi è ora da aggiungere un nuovo onore. Già, perché la International Federation of the Phonographic Industry (IFPI), diffondendo i dati 2012, ha reso noto che "21" di Adele è il primo album ad arrivare primo in due anni consecutivi da quando la stessa IFPI ha iniziato (2001) a pubblicare i dati di vendita a livello mondiale. Secondo la IFPI, il secondo album della signorina Adkins lo scorso anno ha venduto 8.300.000 copie. Tante, ma poche se confrontate con quelle assorbite dal mercato nel 2011, e cioé 18.100.000. I dati,




Contenuto non disponibile







riportano fonti USA, sono stati presentati a Londra nel quadro del Digital Music Report dell'organizzazione. Lo scorso anno, dopo "21", si è piazzato "Red" di Taylor Swift che ha mosso 5.200.000 unità nel mondo. Ai numeri 3 e 4 "Up all night" e "Take me home" degli One Direction con 4.5 e 4.4 milioni di pezzi smerciati. Il singolo più acquistato nel mondo nel 2012 è stato "Call me maybe" di Carly Rae Jepsen, del quale sono state comprate 12.500.000 copie; subito dopo la canadese si è piazzato Gotye con 11.800.000 unità mosse di "Somebody that I used too know" mentre il fenomeno Psy si è dovuto accontentare - così per dire - di 9.700.000 copie del tormentone "Gangnam style".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.