Con 'Larasong' i Litfiba musicano un videogioco

Con 'Larasong' i Litfiba musicano un videogioco
Si intitola "Larasong" la canzone che i Litfiba hanno composto per la pubblicazione del sesto capitolo di Tomb Raider. Il videogioco più conosciuto nel mondo uscirà con la nuova versione a metà novembre, con il titolo "Tomb raider – The angel of darkness", e avrà incluso nella confezione anche il cd contenente il brano, senza alcun sovrapprezzo. La canzone sarà inoltre proposta dalle radio nazionali dal prossimo 25 ottobre, giorno in cui il videogioco sarà ufficialmente presentato nell’ambito dello Smau 2002. La musica e il mondo virtuale trovano così un pretesto di fusione, già accennato nel 1999 da Eugenio Finardi, che dedicò una canzone a Lara Croft, protagonista virtuale della serie di videogames. Questa, però, è la prima volta che un gruppo rock italiano di rilievo offre la propria musica a colonna sonora di un videogioco. E "Larasong", che sarà presto anche un videoclip, non si limita ad incorniciare il gioco, ma viaggia in piena sintonia con le tematiche mistiche ed esoteriche che accomunano i Litfiba al mondo virtuale. Ecco che il brano si apre con un interrogativo: "E chissà se sono io che gioco te, oppure se sei tu che giochi me". Per l’occasione il gruppo fiorentino, guidato da Ghigo Renzulli e composto da Gianluigi "Cabo" Cavallo (voce e chitarra), Gianluca Venier (basso) e Gianmarco Colzi (tastiere), si è avvalso anche della collaborazione di Antonio Aiazzi, storico tastierista dei Litfiba.


Notizia realizzata con la collaborazione di http://www.musicaitaliana.com
Dall'archivio di Rockol - Le pillole di saggezza dei Litfiba
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.