Londra, 2Pears organizza un seminario su musica e 'open data'

Londra, 2Pears organizza un seminario su musica e 'open data'

L'utilizzo nel music business degli "open data" (i dati, cioè, accessibili a chiunque senza brevetti, forme di controllo o restrizioni dovute ai copyright) e la loro eventuale possibilità di "monetizzazione" da parte delle imprese che operano nel settore sono al centro del seminario che la società specializzata 2Pears organizza a Londra martedì prossimo, 5 marzo (dalle due alle sei del pomeriggio), presso gli uffici dello studio legale Lewis Silkin in Chancery Lane.

L'evento, cui sono invitati a partecipare esperti del settore dati, imprese tecnologiche, artisti, manager, editori musicali, case discografiche, brand commerciali e agenzie pubblicitarie britanniche ed europee sarà presieduto e aperto da William Lovegrove, esperto del settore, fondatore di Release Mobile e già dirigente di Universal Music Group International. Alla sua introduzione farà seguito una relazione di Gavin Starks, amministratore delegato dell'Open Data Institute e già ad del distributore digitale Consolidated Independent/CI (la prima società a fornire prodotti digitali a iTunes e che ha tra i suoi clienti anche Amazon MP3), sul tema delle nuove opportunità di business aperte dalla gestione dati. Il programma prevede anche una relazione di Paul Gathercole di Universal, una discussione moderata da Sam Taylor (CMU) con la partecipazione di Kevin Bacon (Buzzdeck), Paul Jessop (County Analytics), Brittney Bean (Songdrop) e lo stesso Starks, un'analisi del caso Last.fm illustrato dal direttore commerciale UK Chris Wistow, una relazione di Robert Kaye di MusicBrainz e un dibattito finale con la presenza di Evan Stein (Decibel), Olaf Loerz (Rovicorp) e Helena Kosinski (Nielsen Music). Come consuetudine negli eventi organizzati da 2Pears, la giornata si concluderà con drinks e attività di networking tra i partecipanti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.