Suge Knight ancora nei guai: rischia nuovamente la galera

Suge Knight ancora nei guai: rischia nuovamente la galera

Non è notoriamente un tipo tranquillo, il megaproduttore Suge Knight (all'anagrafe Marion Hugh Knight, classe 1965) ed ex boss della mitica Death Row Records - andata in bancarotta e fallita nel 2007.

Per non smentirsi, ora sta rischiando un nuovo lungo soggiorno in cella a spese dei contribuenti (il terzo dal 1995): il motivo è che non si è presentato in tribunale  per un'udienza in cui si dovevano discutere ben due casi che lo vedono al banco degli accusati.

Suge - che al momento è ricercato - peraltro è in regime di libertà vigilata e il 20 febbraio scorso non si è presentato di fronte al giudice che doveva ascoltarlo a proposito di due denunce risalenti al 2011 e 2012, entrambe per guida senza patente.
Nello stesso giorno il produttore è stato fotografato in compagnia di Snoop Dogg in un club: si tratta di uno scatto epocale, che sembra mettere fine alla faida tra i due, iniziata quando Snoop lasciò la Death Row a metà degli anni Novanta.





 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.