Motorhead, Lemmy truffato per 30.000 euro

Motorhead, Lemmy truffato per 30.000 euro
Una cifra corrispondente a circa 30.000 euro. Questa la somma che Alex Guerrero, impiegato in una società di management che in passato si è occupata delle carriere di vari artisti, tra i quali i Motorhead, avrebbe spillato a Lemmy, il loro leader. Sebbene Lemmy Kilminster glissi ed affermi che Guerrero “era uno che mi veniva ad innaffiare le piante quando ero in tour”, c’è in ballo un’azione legale che vedrà l’impiegato in tribunale il prossimo 9 ottobre. Pare che Guerrero abbia sottratto al nerboruto bassista e cantante il libretto degli assegni e che ne abbia incassati alcuni a suo nome falsificando la firma del rocker. Lemmy fondò i Bastard nel ’75, dopo essere stato licenziato dagli Hawkwind; presto la band avrebbe cambiato nome in Motorhead. Il nuovo tour del gruppo inizierà il prossimo 13 ottobre da Manchester.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.