Incendio all'hotel 'dei Beatles', bruciano anche opere d'arte

Incendio all'hotel 'dei Beatles', bruciano anche opere d'arte

Si è saputo che, nell'incendio che pochi giorni fa ha danneggiato parti dell'albergo Hard Days Night di Liverpool, un hotel a tema basato sui Beatles e che sorge a poca distanza da quello che fu il celebre Cavern, sono bruciate anche opere d'arte. Si tratta di una ventina di dipinti dell'artista Shannon MacDonald del New Jersey, responsabile della maggior parte dell'artwork all'interno dello stabile. Shannon, che dipinge presso la sua fattoria ad Howell, ha riferito a NJ.com che aveva creato 115 lavori per l'hotel. I dipinti perduti valevano circa 20.000 dollari l'uno e avevano richiesto due anni di lavoro. L'incendio è scoppiato il giorno di San Valentino al quinto piano dell'edificio, costruito nel 1884 e che vanta 110 stanze, operativo come albergo dal 2008. Le fiamme fortunatamente non hanno causato né morti né feriti ma il motivo del rogo rimane insoluto. Mike Dewey, il direttore, ha affermato che alcune parti sono state riaperte. Tra le camere maggiormente danneggiate, le due suite dedicate una a Paul McCartney ed una a John Lennon. L'"Examiner" aggiunge che le stanze rimangono chiuse ma hanno riaperto il ristorante, bar e lounge. I Beatles si esibirono per la prima volta al Cavern Club di Liverpool (alla fine le volte in tutto furono 292) il 9 febbraio 1961. Il locale originale  chiuse nel maggio 1973.












Il Compulsory Purchase Order della British Rail, che doveva costruire un condotto di ventilazione per la allora costruenda sotterranea Merseyrail, sancì la chiusura del Cavern. Ironicamente il condotto non venne mai realizzato, e si pensò bene di riempire il Cavern di ghiaia e scarti. Così rimase, sotto un parcheggio improvvisato, fino al 1982 quando iniziarono i lavori di rifacimento.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.