Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 17/02/2013

'Ora Justin Bieber deve cambiare', dicono i produttori

'Ora Justin Bieber deve cambiare', dicono i produttori

La mucca è stata munta. Con variazioni, aggiunte o chiavi interpretative, il concetto di "My world" e "Believe" è ormai prosciugato: l'album "My world" del marzo 2010 ha generato "My worlds: the collection" e "My worlds acoustic" nonché l'EP "My world". L'album "Believe" del giugno 2012 si è esteso a "Believe acoustic". Ormai sfruttate, le due idee devono ora lasciare il passo a qualcosa di nuovo. Anche perché il loro autore, Justin Bieber, è ormai arrivato al temuto momento in cui non è più un ragazzino e deve inventarsi un nuovo ruolo per il suo pubblico che sta mutando. Il canadese, che il 1° marzo compirà 19 anni, secondo il duo di produttori Da Internz, che ha lavorato col cantante sul recente "Believe acoustic", deve adesso girare l'angolo e affrontare una nuova realtà. Ernest 'Tuo' Clark ha detto: "Penso che Justin sia sicuramente sul punto di dover effettuare una svolta. Molti giovani artisti hanno il problema della transizione, del passare dall'essere ragazzino all'essere adulto". Marcos 'Kosine' Palacios ha affermato: "Anche se però è vero che questo è un periodo diverso, c'è una nuova generazione. Il suo sound è diverso e lui ha una personalità differente, quindi credo che possiamo apprezzare il fatto che Justin stia creando la propria strada e il suo destino con le cose che sta facendo".





Contenuto non disponibile







Il più recente album di Bieber, "Believe acoustic" del mese scorso, è arrivato al numero 1 negli USA e al 5 in Gran Bretagna. Justin sarà in concerto il prossimo 23 marzo alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO). Supporter è Carly Rae Jepsen.
 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi