Il regista dei Rolling Stones per il documentario dei Backstreet Boys

Il regista dei Rolling Stones per il documentario dei Backstreet Boys

I Backstreet Boys, dopo aver riaccolto in formazione Kevin Richardson che era uscito dalla line-up nel 2006, hanno scelto il regista
del documentario che narrerà la propria storia. Si tratta di Stephen Kijak, classe Sessantanove, tra i cui lavori più noti spicca "Stones in
Exile"; si tratta di un docu-film su "Exile on Main Street", il doppio LP del 1972 che viene considerato tra i capolavori dei Rolling Stones. Il regista di New Bedford, Massachusetts, ha detto all'"Hollywood Reporter" : "Ciò che mi ha attratto di questo progetto è la loro apertura, ed anche la disponibilità ad accettare situazioni scomode, il loro essere onesti e la disponibilità a mettersi nelle mani della squadra di regia per condurli nella giusta direzione". Il documentario, che pare sarà semplicemente intitolato "Beckstreet Boys-The movie", dovrebbe risultare completo per il prossimo autunno sotto la conduzione dell'azienda di produzione angloamericana Pulse Films. Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, A. J. McLean e Kevin Richardson hannop detto: "E' da sempre che volevamo fare un film e adesso, con Kevin che è tornato, è il momento giusto. Inoltre ora siamo padroni del nostro destino, abbiamo in lavorazione un nuovo album e c'è in ballo il nostro ventesimo anniversario".





Contenuto non disponibile







Attualmente i BSB sono liberi da ogni contratto, visto che il legame con Jive Records si è estinto nel 2010. A metà dello scorso novembre Dorough aveva riferito che l'indipendenza non può che avere effetti positivi sulla musica del gruppo e aveva affermato che stavano decidendo tutto loro senza alcuna influenza esterna.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.