Comunicato Stampa: A Pordenone la 41^ stagione di prosa, 'A TEATRO 2002/2003'

Comunicato Stampa: A Pordenone la 41^ stagione di prosa, 'A TEATRO 2002/2003'
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

PORDENONE – 41^ STAGIONE DI PROSA "A TEATRO 2002/2003"

TRA NUOVI AUTORI, MUSICA E MEMORIA

- Teatro-musica di altissimo livello: in esclusiva regionale lo spettacolo con Rava, Testa e la Banda Osiris nell'omaggio più bello a Buscaglione. E il premio Oscar Nicola Piovani con un viaggio tra le sue partiture indimenticabili.
- Il percorso sulla memoria dei nuovi autori italiani: dall'affabulazione di Celestini a quella di Paolini, eccezionalmente in cartellone con tre diversi spettacoli, passando per Andrea Castelli che dà voce alla tragedia del Cermis di Loperfido.
- Molti i graditi ritorni: Lella Costa con la sua "Traviata", una delle regine del teatro italiano, Valeria Moriconi (esclusiva regionale); Silvio Orlando dopo dieci anni di nuovo a Pordenone nei panni di Eduardo; Luca De Filippo (esclusiva regionale) con Feydeau; Paolo Rossi dopo l'exploit dell'anno scorso.
- La nuova coppia Gassman-Fiorello dalla televisione al palcoscenico di Pordenone, in esclusiva regionale, con un noir tratto da un romanzo di Patricia Highsmith.
- Campagna abbonamenti (con sette tipi diversi di tagliandi) : dal 5 ottobre per i vecchi abbonati, dal 19 per i nuovi.
- Nella precedente stagione il Concordia ha ospitato per la rassegna di prosa circa 20 mila spettatori per 38 repliche: dat che confermano il gradimento delle proposte.

E’ stata presentata oggi, nella sede della Banca Popolare FriulAdria, a Pordenone, la 41^ Stagione di prosa A Teatro 2002/2003, con interventi del sindaco di Pordenone Sergio Bolzonello, dell'assessore provinciale Italo Cover, del presidente dell'Associazione provinciale per la prosa Angelo Cozzarini e del presidente della Banca Popolare Friuladria Angelo Sette.
La rassegna - una delle numerose iniziative culturali che l'Associazione provinciale per la Prosa di Pordenone organizza durante l'anno e delle quali daremo prossimamente notizia nel dettaglio - prenderà il via il 30 ottobre, nell’Auditorium Concordia.
Anche quest'anno si avvale del sostegno degli Enti pubblici locali e, soprattutto, della Banca Popolare FriulAdria, istituto che rinnova così il suo “impegno per il teatro” di lunga data oggi inserito in un più generale sostegno alla proposta complessiva dell' Associazione per la Prosa, non solo in ambito culturale ma anche sociale. Friuladria si conferma così un partner fondamentale non solo per il calendario degli spettacoli ma anche per le attività culturali a sfondo sociale dell'Associazione.
Passando ai contenuti di ATeatro 2002/2003, il cartellone propone ben sedici titoli che toccano generi, temi e linguaggi diversi: appuntamenti di teatro di tradizione si alterneranno a proposte di teatro-musica di altissimo livello; testi immortali di grandi drammaturghi saranno intervallati da lavori sulla memoria di nuovi autori italiani
E per presentare nel dettaglio il cartellone partiamo proprio dal percorso della memoria - quel tessuto di trame diverse fatto di racconti d’avvenimenti lontani o recenti che diventano segni della storia d’Italia - un percorso che sarà anche occasione per ritrovare o scoprire giovani autori italiani e i loro diversi metodi di racconto.
Ascanio Celestini, per il quale la memoria è ricerca e raccolta di testimonianze orali che “collegate tra loro danno una verità unitaria della storia”, proporrà Radio Clandestina, un’intensa, documentata, emozionante affabulazione sulla rappresaglia tedesca alle Fosse Ardeatine.
La memoria fatta di storie individuali che intrecciano quelle collettive italiane, la memoria che diventa indagine e denuncia, sarà protagonista del trittico (tre serate, il 13, 14 e 15 marzo) presentato da Marco Paolini, un percorso che inizierà con cinque storie che attraversano gli anni ’80 (Stazioni di transito) e proseguirà con Aprile '74 e 5, spettacolo nel quale, “storie vere di sport, di bar, di piazza” mescolate e combinate, faranno emergere dalla memoria gli anni della bomba in piazza della Loggia a Brescia. Il trittico si concluderà con il nuovo lavoro Parlamento Chimico, ovvero il racconto di Porto Marghera, “un sogno industriale cominciato con un processo chimico e finito in un’aula di tribunale”.
Anche il trentaduenne scrittore Pino Loperfido lavora con la memoria nel suo Ciò che non si può dire un racconto che diventa impegno civile e che, ritornando sulla recente tragedia del Cermis, a noi particolarmente vicina, ripercorre una “fatalità” fin troppo prevedibile.

Dalla memoria a temi immortali che toccano l’uomo e le sue passioni, la vita e la società.
La libidine del potere e l’ambizione priva di limiti morali saranno raccontate con le parole di Shakespeare in Macbeth concerto, un emozionante “concerto di voci e di parola” nello stile di Teatro Settimo. Prendendo a prestito alcuni lavori di Moliere, Paolo Rossi proporrà un nuovo delirio organizzato, Questa sera si recita Molière, per parlare della società tartufesca e ipocrita e dei suoi ciarlatani. L’uomo che obbedisce cecamente, con tale entusiasmo che finisce per paralizzare il sistema, su uno sfondo fatto di miti della razza e di sterminio sistematico sarà proposto in Schweick nella seconda guerra mondiale dal giovane regista e attore Jurij Ferrini che è riuscito ad allestire, forse nel miglior modo possibile oggi, il testo di Brecht, creando uno spettacolo gradevolissimo, intelligente, scattante e festosto.
Ne I rusteghi di Goldoni di scena il conflitto vecchie-nuove generazioni mentre la vecchiaia sarà protagonista nella commedia Premio Pulitzer Gin Game di Coburn, nella quale Valeria Moriconi e Massimo De Francovich interpreteranno due anziani impegnati nel gioco delle carte, metafora tragicomica del gioco della vita.
Nell’excursus tra i diversi generi teatrali, sarà presentato, da Alessandro Gassman e Giuseppe Fiorello, anche il “giallo classico” Delitto per delitto.
Dopo Otello, Lella Costa proporrà Traviata, un’altra storia ancora attuale, raccontata con quella sua innata curiosità che la porta a scoprire nell’opera un’infinità di dettagli, sguardi, intenzioni, letture possibili.
La comicità di De Filippo sarà invece la proposta di Silvio Orlando che ritorna al teatro con Eduardo al Kursaal, uno spettacolo che raccoglie cinque atti unici del grande drammaturgo, mentre con la comicità d’oltralpe sarà impegnato Luca de Filippo in La palla al piede di Feydeau.

Infine, due straordinari appuntamenti legati dal comune denominatore della musica, due eventi che in qualche modo intendono ribaltare il concetto di musica a servizio di altre arti e propongono invece il teatro e il cinema a servizio della musica.
Ecco quindi Guarda che luna!, uno degli omaggi più belli e insoliti che siano mai stati dedicati a Fred Buscaglione e che vede per la prima volta assieme Enrico Rava, Gianmaria Testa e la Banda Osiris ovvero il jazz, la canzone italiana e la musica che fa la parodia e ride di se stessa. Un lavoro che non si può definire uno spettacolo teatrale, un concerto, un’antologia di musica e, forse, neppure un omaggio a Fred Buscaglione, ma un cocktail di tutto ciò condito con ironia e intelligenza. Concerto fotogramma è invece un viaggio tra le partiture indimenticabili di Nicola Piovani che lo stesso musicista Premio Oscar per “La vita è bella” proporrà utilizzando le parole di Vincenzo Cerami e le musiche da lui create per film e spettacoli teatrali; un percorso nel quale, per la prima volta, saranno le immagini al servizio della musica.

La campagna abbonamenti - con sette possibili tipi di abbonamenti - si aprirà il 5 ottobre, con le consuete modalità (che comunicheremo più avanti).
Tutte le informazioni su A Teatro 2002/2003 si trovano comunque anche sul sito Internet dell’Associazione per la Prosa, www.assoprosapn.it
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
20 dic
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.