La famiglia di Notorious B.I.G. pronta a denunciare il 'Los Angeles Times'

La famiglia del rapper Notorious B.

I.G., che un recente articolo del "Los Angeles Times" ha indicato quale mandante dell'assassino di Tupac Shakur, si è detta pronta a denunciare lo stesso quotidiano. "Siamo scandalizzati dalle affermazioni false fatte sul Los Angeles Times dal giornalista Chuck Phillips. Sono accuse false che non sono altro che giornalismo irresponsabile", ha dichiarato la famiglia di Notorious, vero nome Christopher Wallace. Il servizio di Phillips, che peraltro è costato al giornalista un intero anno di ricerche, afferma che Notorious organizzò l'agguato che 6 anni fa a Las Vegas costò la vita a 2Pac, che contattò personalmente i killer e che addirittura fornì loro l'arma poi adoperata per il delitto. "Tutte bugie", dice ora la famiglia Wallace. "Stiamo pensando di portare il giornale in tribunale".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.