Uno studio: Lady Gaga, è iniziato il declino

Uno studio: Lady Gaga, è iniziato il declino

Nonostante, solo nell'ultima manciata di mesi, si sia guadagnata la stima di colossi del rock internazionale come Jack White, Pete Townshend e Rolling Stones, che l'hanno addirittura chiamata ad esibirsi sul palco con loro in occasione della data di chiusura del "50 and counting tour", Lady Gaga potrebbe aver già doppiato lo zenit della propria carriera: lo dimostrerebbe uno studio compilato da accuracast.com, nel quale, incrociando i dati ottenuti da siti di monitoraggio di traffico come Google Trends a quelli inerenti alle vendite di dischi e biglietti di Miss Germanotta, parrebbe evidente una progressiva disaffezione nei suoi confronti soprattutto da parte del pubblico di Internet.

E proprio dal Web inizia l'analisi: stando ai flussi di click dedicati alla popstar registrati dal più popolare dei motori di ricerca, Google, e condensati nel grafico riportato qui sotto, l'irresistibile ascesa della "mother monster" coinciderebbe con la pubblicazione di "The fame", a fine 2008: poi, subito una prima impennata, nella prima metà del 2009, fino alla pubblicazione del brano "Paparazzi". L'ascesa non si arresta, fino a raggiungere il picco di popolarità, nel 2010, in pieno "Monster ball tour": nella seconda metà dell'anno, però, la tendenza inizia ad invertirsi, nonostante la trovata del vestito di carne agli VMA. A inizio del 2011, l'ultimo rimbalzo, con la fine del tour e la pubblicazione di "Born this way": poi, però, l'inesorabile declino (di click), al momento ancora in corso.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/zUthDLOsyocShk4Q4EXdIUlPIJo=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2F%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fgagastats.JPG


Certo, i dati si riferiscono al pubblico della Rete, e non a quello generalista, che - tutto sommato - compra dischi e biglietti di concerti alla faccia di tendenze e analisi sociologiche. A questo punto, occorre però fare due considerazioni: la prima è che la planetaria popolarità di Gaga sia dovuta proprio ai navigatori del Web, che prima l'hanno lanciata nell'empireo del pop mondiale, poi - sempre su Internet - le hanno fatto infrangere record su record a colpi di "like" su piattaforme di media sharing e social network. Che un calo di attenzione da parte della Rete possa in qualche modo riverberarsi anche sui dati concreti di vendita - suggerisce lo studio - è un dato di fatto, e basterebbe considerare i dati di vendita per capirlo: "Born this way" ha venduto 4 milioni di copie in meno di "The fame", e il suo ultimo tour in sudamerica - riferisce l'Examiner - sarebbe andato molto meno bene di quando comunicato per vie ufficiali (per esempio, per la data di Lima, in Perù, data come sold-out con 50mila biglietti usciti dai botteghini, sarebbero di fatto stati venduti solo 17mila tagliandi: i rimanendi sarebbero stati distribuiti a titolo di omaggio o inclusi come benefit in pacchetti "compra uno, prendi due").

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.