Concerti, Antonello Venditti: la recensione del live di Milano

Concerti, Antonello Venditti: la recensione del live di Milano

Ci sono degli affezionati che ci ritornano sempre, a Milano, a vedere Antonello Venditti in concerto. Ci sono degli affezionati che non solo amano le sue vecchie canzoni, ma provano anche ad avvicinarsi a quelle nuove (“Dalla pelle al cuore”, del 2007, è stato un album bellissimo. “Unica”, datato 2012, forse lo è stato un po’ meno), facendosi trascinare in egual modo dal piacere di cantarle a squarciagola, mantenendo però sempre un occhio critico a ciò che succede sul palco. Il concerto di Venditti di ieri sera al Teatro degli Arcimboldi di Milano a livello di pubblico è stato un trionfo. Non era tutto esaurito ma pazienza (Antonello replicherà sempre agli Arcimboldi domani, 31 gennaio), la gente era partecipe e coinvolta come sempre, ricreando sul finale l’atmosfera da palazzetto dello sport come spesso accade sui grandi classici: anche i più composti e i più attempati si sono risvegliati dal loro torpore (così è proprio successo sulla doppietta conclusiva “Benvenuti in paradiso” e “In questo mondo di ladri”) e si sono alzati in piedi per saltare e puntare le dita in cielo, mentre i più fortunati in platea si sono potuti permettere anche di correre sotto al palco. La scaletta del concerto è stata identica a quella del live al Forum di Assago (era marzo 2012); si parte subito alla grande con “Unica” per poi tornare indietro di colpo con dei pezzoni come “Il compleanno di Cristina”, “Piero e Cinzia”, “Giulio Cesare”, “Sotto il segno dei pesci”, “Roma capoccia” e “Sara”, tutte eseguite alla perfezione, tutte cantate con l’enfasi e il rispetto che meritano. Come dicevamo, la setlist ha ricalcato alla perfezione quella del concerto meneghino precedente, il che da una parte è rassicurante, ma per certi versi è un po’ deludente. Da qualche tempo a questa parte, i concerti di Venditti partono tiratissimi ed esplodono nel momento più bello, ovvero quando si siede al suo pianoforte rosso e intona tre quattro canzoni in acustico (mica canzonette, qui si parla di brani come “Ci vorrebbe un amico” e “Notte prima degli esami”…). Ecco. Quella è la dimensione che ci si aspettava - o forse che ci aspettavamo noi - in un suo concerto a Teatro. Quella è la speranza con la quale lo avevamo salutato al Forum l’anno scorso. Quello è ciò su cui si dovrebbe concentrare Venditti nei prossimi live: pianoforte e voce, lui in mezzo al palco, le sue canzoni e basta, così come sono nate, con quegli arrangiamenti da brivido e quel vibrare costante della sua voce che caratterizza ogni brano e che fa ancora emozionare il suo pubblico. E invece - quarto d’ora al pianoforte escluso - lo spettacolo si snoda intorno ad una banda di super musicisti infinita, una struttura musicale (e anche scenica, visto che è stata rappresentata la stessa scenografia del live al Forum) che ha appesantito parte del concerto e con dei volumi (e questo lo avevamo sottolineato anche per il concerto precedente) altissimi, quasi a coprire la voce. In ogni caso, Venditti ieri il concerto se lo è portato a casa, così come si è portato a casa anche il pubblico, un pubblico forse più in là con l’età rispetto a quello che lo segue nei palazzetti, ma comunque carico di entusiasmo e passione nei confronti dell’inimitabile cantautore romano.



(Daniela Calvi)

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
30 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.