Sondaggio USA: i file sharer comprano (legalmente) più musica

Sondaggio USA: i file sharer comprano (legalmente) più musica

Secondo un sondaggio commissionato da Google alla Columbia University gli utenti delle piattaforme peer to peer che permettono di condividere (nella maggior parte dei casi illegalmente) in Rete file (soprattutto musicali) protetti da diritto d'autore sarebbero anche i maggiori consumatori di musica "legale".

I numeri della ricerca parlano chiaro: mentre sul disco fisso di un navigatore che frequenti i siti p2p sono in media presenti 2000 file musicali, 760 dei quali acquistati regolarmente, sull'hard disc di un utente Web non avvezzo a condividere i propri mp3 sono presenti circa 1300 brani, 580 dei quali "legali". Il dato, di per sè, non è eclatante, essendo la proporzione tra file musicali illegali e legali pressoché identica, e la ricerca, di fatto, si limiterebbe a ribadire quando emerso più volte dai risultati di studi condotti negli anni passati: i file sharer appassionati di musica ne scaricano di più rispetto a un consumatore medio, sia legalmente che non.

Interessante, a margine, è il risultato di due domande sottoposte ai campioni di popolazione (uno americano, l'altro tedesco) oggetto dello studio: il 69% degli americani e il 71% dei tedeschi è contrario al monitoraggio dei provider come misura per arginare la pirateria. Che viene percepita sia da una parte all'altra dell'oceano: il 59% dei tedeschi e il 52% degli americani rimane convinto che il download illegale di un file protetto da copyright debba comunque essere punito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.