EMI Publishing contro AOL Time Warner: non paga i diritti sulle canzoni da film

E' davvero un momento disgraziato per la multinazionale americana (che, se è per questo, ha buona compagnia al di qua dell'Atlantico, dove navigano in cattive acque concorrenti come Bertelsmann e Vivendi Universal): non bastassero le grane con i revisori dei conti e il crollo delle azioni in Borsa (vedi news), si fa ora avanti anche Martin Bandier, celebre boss delle edizioni musicali EMI, che reclama risarcimenti nell'ordine di milioni di dollari per una questione di presunti usi illeciti di musiche da film senza il pagamento dei relativi diritti. Bandier e i suoi collaboratori sostengono che AOL Time Warner sta usando indiscriminatamente, e senza averne alcun titolo, celeberrime canzoni da film del catalogo MGM (come “Singin' in the rain” e “Il mago di Oz”) come sottofondo per messaggi promozionali e programmi irradiati attraverso l'emittente TV via cavo Turner Broadcasting e il provider Internet America Online.
Attraverso un complicato gioco di acquisizioni e di scatole cinesi che l'ha vista passare di mano dal magnate di Atlanta Ted Turner al gruppo Warner, la “library”cinematografica MGM (che vanta oltre 3.300 pellicole) è oggi di proprietà di AOL Time Warner: ma Bandier , che da 20 anni conserva i diritti editoriali sulle canzoni delle colonne sonore, sostiene che il contratto firmato ai tempi autorizza un uso gratuito molto ristretto di quel repertorio (alcuni pezzi dalla colonna sonora de “Il mago di Oz”, per esempio, potrebbero essere utilizzati gratuitamente solo per promuovere il film omonimo). Impossibilitato a raggiungere un accordo in via amichevole, il numero uno di EMI Music Publishing ha deciso di ricorrere in tribunale per ottenere un cospicuo risarcimento danni e per bloccare ogni utilizzo senza regolare licenza del repertorio nei nuovi film di Time Warner o nei programmi di AOL e della CNN. E pensare che solo un paio di anni fa, ai tempi del loro abortito progetto di fusione, EMI e Warner stavano per diventare una cosa sola.
Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.