I dipendenti italiani su Facebook: 'Fnac è morta'

I dipendenti italiani su Facebook: 'Fnac è morta'

Stando a quanto scrive sul suo profilo Facebook il gruppo "Salviamo Fnac" (curato dai dipendenti dell'azienda), il futuro italiano della catena di prodotti musicali e di entertainment - dopo la cessione al fondo Orlando Italy Management e la nomina di un liquidatore nella persona di Matteo Rossini - è quanto mai incerto, se non già segnato. Il primo problema di Fnac Italia, avrebbe dichiarato Rossini ai rappresentanti delle maestranze impiegate dall'azienda (circa seicento persone) prima di un incontro con i sindacati fissato per il 22 gennaio, è rappresentato dal costo del personale. "Allo scopo di alleggerirlo", scrivono i dipendenti Fnac sulla loro bacheca, "in questa prima fase verranno chiusi negozi ed eliminati posti di lavoro. Tanti posti di lavoro. Questo al fine di arrivare a un nuovo, ridimensionato perimetro aziendale, idoneo alla seconda fase. La fase del possibile rilancio. Rilancio di questo business? No, si tratterebbe di un diverso modello di business".

Mostrando di preferire comunque l'atteggiamento risoluto del neo liquidatore allo "stile fumogeno" della vecchia proprietà (il gruppo francese PPR) e dirigenza, i promotori di "Salviamo Fnac", non sembrano avere dubbi: "A questo punto, nonostante ancora qualcuno provi a raccontarcele e/o raccontarsele, non c'è più spazio per le fiabe. Di colpo tutto è inequivocabile. La Fnac che conosciamo è finita. Non sappiamo se e cosa rinascerà dalle sue ceneri, ma Fnac è morta. Il decesso è stato decretato il giorno stesso del passaggio di proprietà, con il contestuale annuncio della messa in liquidazione dell'azienda".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.