Simon Raymonde (Bella Union): 'La gente comprerà dischi anche se muore HMV'

Simon Raymonde (Bella Union): 'La gente comprerà dischi anche se muore HMV'

L'eventuale scomparsa di HMV, sommersa dai debiti e finita in amministrazione controllata, non segnerà la fine della distribuzione dei supporti "fisici", cd e dischi in vinile. A sostenerlo è Simon Raymonde, ex musicista (nei Cocteau Twins) e fondatore dell'etichetta indipendente Bella Union (Fleet Foxes, Midlake, John Grant, Beach House), convinto che si tratti solo di un avvicendamento tra canali e sistemi di distribuzione a cui la discografia e il pubblico sapranno, se del caso, adattarsi.

"Le indiscrezioni circolavano da tempo e le chiacchiere da bar sostenevano che avrebbe chiuso entro Natale, il che oggi appare una previsione quanto meno sbagliata", ha osservato Raymonde a proposito della vicenda in un intervento scritto per il settimanale Music Week. "Sono molto dispiaciuto per tutti coloro che, se queste notizie dovessero essere confermate, potrebbero perdere prossimamente il loro posto di lavoro, e questa non è una bella situazione per nessuno di noi". "Era inevitabile?", si chiede il discografico. "Si tratta chiaramente di un barometro della mancanza di fiducia nei confronti dei negozi di dischi che operano nei centri cittadini. Se però ci fermiamo a guardare per un secondo fuori dalla finestra potremo notare che oltre 200 negozi della catena Comet sono finiti in amministrazione controllata un paio di mesi fa a causa del progressivo spostamento online delle vendite dei prodotti del loro assortimento, che oltre 150 punti vendita di Jessop hanno fatto la stessa fine per motivi simili e che più di 300 negozi della catena Game hanno chiuso l'anno scorso. E' uno schema che si ripete. E HMV sembra un'altra vittima, per lo più a causa della concorrenza esercitata dai supermercati e da rivenditori online come Amazon".

"Cosa succedera ora? Beh, l'industria musicale è piuttosto abile a raccogliere i propri cocci, a scrollarsi la polvere di dosso e a riprendere il cammino. E' la campana della morte per la distribuzione fisica? No, niente affatto, anche se sicuramente le cose cambieranno". "Ci sono tanti esempi di successo nel panorama dei negozi di dischi indipendenti e anche se l'opinione comune è che oggi viviamo in un mondo dominato da Spotify voglio replicare dicendo che vedo tanta gente voltare le spalle agli mp3 e allo streaming per tornare al vinile e - fatto curioso e affascinante - persino alle cassette! E anche se il mio registratore Philips Dual Deck è ancora in funzione, neppure io l'avrei predetto...."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.