Dopo il film sul CBGB uno anche sulla Caribou Records

Dopo il film sul CBGB uno anche sulla Caribou Records

Randall Miller e Jody Savin stanno completando il film sul CBGB, il "mitico" locale underground sulla Bowery di New York, aperto nel 1973, chiuso dall'ottobre 2006 e salutato per sempre con la morte del gestore Hilly Kristal nell'agosto 2007. Quando i due avranno terminato, pare che la loro attenzione si sposterà subito - così perlomeno scrive l'"Hollywood Reporter" - su un film sulla storia della Caribou Records. L'etichetta è di proprietà di James William Guercio, che fu il produttore dei primi album dei Chicago e dei Blood Sweat & Tears. Guercio mise in piedi uno studio di registrazione presso il ranch Caribou sulle Rocky Mountains del Colorado e in breve tempo la sala divenne di gran moda. Dopo "Rocky Mountain way" di Joe Walsh parecchi altri artisti si incapricciarono del posto e così ecco la calata di Billy Joel, Rod Stewart, Carole King, Stephen Stills, Waylon Jennings, Amy Grant, Supertramp, Beach Boys e naturalmente Elton John, il quale addirittura intitolò un album, appunto "Caribou", in onore allo studio. Guercio starebbe già collaborando con Miller e Savin; le riprese dovrebbero iniziare in Colorado durante la prossima estate. Lo studio è chiuso dal marzo 1985, quando un furioso incendio lo distrusse causando 3 milioni di dollari di danni.





Contenuto non disponibile







Il film "CBGB" è in post-produzione. Malin Åkerman interpreta Debbie Harry (Blondie), Joel David Moore è Joey Ramone (Ramones), Kyle Gallner è Lou Reed. Il CBGB fu il covo dal quale si sviluppò il punk e la new-wave statunitense; sul suo piccolo palco transitarono, tra gli altri, Ramones, Talking Heads, il Patti Smith Group, Blondie, Cramps e Television.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.