Musica digitale, eMusic apre a tutto il pubblico per attrarre nuovi consumatori

La piattaforma eMusic, da annoverare tra i pionieri della musica digitale, ha deciso di aprire a tutto il pubblico il suo negozio di download finora accessibile ai soli iscritti/abbonati (a prezzi variabili da 6,49 a 7,99 dollari al mese in cambio di un tetto massimo di brani). La mossa, come riporta Billboard, ha lo scopo di attrarre nuovi consumatori nella speranza di convertirli in acquirenti.

"Abbiamo diverse cose eccitanti da annunciare nel corso del 2013, molte delle quali cambieranno le regole del gioco e sono potenzialmente in grado di trasformare l'industria", ha annunciato al Consumer Electronic Show (CES) di Las Vegas l'amministratore delegato della società Adam Klein, spingendosi a dire che "eMusic potrebbe anche raddoppiare il suo fatturato nel nuovo anno".

Nata a New York e con una sede anche a Londra, eMusic ha lanciato il suo servizio di download nel 2004 (quattro anni prima di iTunes) e conta attualmente 42 milioni di clienti registrati. Tra il 20011 e il 2012 questi ultimi hanno scaricato oltre sei milioni di album, a prezzi scontati rispetto a quelli praticati dai maggiori concorrenti (in media 49 centesimi a brano). Negli Stati Uniti la sua quota di mercato digitale è attualmente stimata intorno al 5 per cento, a grande distanza da iTunes (64 per cento) ma anche da Amazon MP3 (16 per cento).

    La piattaforma eMusic, da annoverare tra i pionieri della musica digitale, ha deciso di aprire a tutto il pubblico il suo negozio di download finora accessibile ai soli iscritti/abbonati (a prezzi variabili da 6,49 a 7,99 dollari al mese in cambio di un tetto massimo di brani). La mossa, come riporta Billboard, ha lo scopo di attrarre nuovi consumatori nella speranza di convertirli in acquirenti.

    "Abbiamo diverse cose eccitanti da annunciare nel corso del 2013, molte delle quali cambieranno le regole del gioco e sono potenzialmente in grado di trasformare l'industria", ha annunciato al Consumer Electronic Show (CES) di Las Vegas l'amministratore delegato della società Adam Klein, spingendosi a dire che "eMusic potrebbe anche raddoppiare il suo fatturato nel nuovo anno".

    Nata a New York e con una sede anche a Londra, eMusic ha lanciato il suo servizio di download nel 2004 (quattro anni prima di iTunes) e conta attualmente 42 milioni di clienti registrati. Tra il 20011 e il 2012 questi ultimi hanno scaricato oltre sei milioni di album, a prezzi scontati rispetto a quelli praticati dai maggiori concorrenti (in media 49 centesimi a brano). Negli Stati Uniti la sua quota di mercato digitale è attualmente stimata intorno al 5 per cento, a grande distanza da iTunes (64 per cento) ma anche da Amazon MP3 (16 per cento).

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.