UK, possibile estensione per il programma in aiuto ai piccoli live club

UK, possibile estensione per il programma in aiuto ai piccoli live club

Continua a darsi da fare, il governo inglese, per aiutare i locali minori che offrano spettacoli di musica dal vivo a sopravvivere durante il periodo di crisi finanziaria globale: il Live Music Act, legge approvata lo scorso due ottobre che esenta i piccoli live club del Regno Unito dal chiedere le autorizzazioni per ospitare concerti e dj-set, potrebbe essere esteso, dalle venue con capienza massima di 200 persone, come da stesura originale della proposta, a sale che possano ospitare fino a 500 persone.

Il nuovo emendamento conterebbe anche la proposta di equiparare il trattamento della musica diffusa e della musica suonata: in sostanza, se effettivamente le modifiche dovessero essere approvate, club e discoteche con agibilità per 500 persone verrebbero esentate dagli obblighi di pagamento dei diritti di licenza.

Esenzione totale da qualsiasi obbligo di richiesta di permessi o di pagamento di diritti d'autore verrebbe poi accordato a chiese, auditori e sale comunali di capacità anche superiore alle 500 unità: gli unici paletti messi dagli estensori della proposta di modifica alla bozza in origine presentata dal liberal-democratico Don Foster riguardano gli orari degli spettacoli, che dovranno tenersi tutti tra le 8 del mattino e le 11 di sera.

Se la prima versione della legge, secondo le stime degli addetti ai lavori, avrebbe aumentato di 13mila unità le live venue disseminate sul territorio inglese, questa nuova modifica potrebbe ulteriormente allargare il già grande bacino aperto dal Live Music Act.

Ottimista (ma non troppo) si è detto Phil Little, a capo del gruppo di pressione britannico Live Music Forum: "Sono vent'anni che ci battiamo per questa causa, e questi provvedimenti sono anche più di quanto potessimo sperare", ha commentato a MusicWeek il blogger e attivista, "Tuttavia, è chiaro come il grosso dei danni alla scena della musica dal vivo siano già stati fatti. Senza una manovra istituzionale operata anche sul pubblico - e non solo sui locali - la strada perché la scena torni ai fasti dei decenni passati sarà ancora terribilmente lunga".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.