Manica, dopo l'abolizione delle esenzioni IVA Play.com venderà solo conto terzi

Manica, dopo l'abolizione delle esenzioni IVA Play.com venderà solo conto terzi

La legge britannica che a partire dal marzo 2012 ha abolito l'esenzione IVA sui prodotti a basso prezzo (sotto le 15 sterline) venduti da siti ubicati nelle isole di Jersey e Guernsey ha spinto uno dei maggiori empori virtuali operanti su quel territorio, Play.com, a chiudere parzialmente l'attività disponendo il licenziamento di 147 dipendenti nei suoi quartieri generali e di altri 67 negli uffici di Cambridge e Bristol. "Prossimamente ci concentreremo esclusivamente sul marketplace che è la nostra area di business principale", spiega un comunicato diramato dalla società facendo riferimento al fatto che, una volta cessata l'attività di vendita diretta al pubblico, i consumatori potranno sempre ricorrere al sito per procurarsi la merce venduta da privati e ditte terze (su quelle transazioni, Play.com incassa una commissione proprio come Amazon o eBay).

L'annullamento del cosiddetto Low Value Consignment Relief (LVCR), creato in origine per sostenere finanziariamente i floricoltori delle isole della Manica, avrebbe già provocato la perdita di 400 posti di lavoro nella sola Jersey ma è visto dai più come una condizione necessaria a garantire parità di condizioni concorrenziali tra i commercianti che operano sul mercato online. La chiusura del negozio di Play.com, che vende cd, dvd, blu-ray e libri e videogiochi ma anche capi di abbigliamento, attrezzature sportive, elettronica di consumo, computer, smartphone, giocattoli, prodotti per l'infanzia, gadget e oggettistica da regalo, avverrà nel mese di marzo. Ad avvantaggiarsi delle esenzioni IVA applicate fino all'anno scorso nelle isole della Manica erano anche altri operatori come Amazon, Tesco e HMV.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.