Amy Winehouse, la seconda inchiesta sulla morte conferma l'intossicazione

Amy Winehouse, la seconda inchiesta sulla morte conferma l'intossicazione

La seconda inchiesta istruita dalle autorità inglesi per fare luce sulle cause della morte di Amy Winehouse ha confermato il verdetto emesso in prima istanza dal coroner incaricato di indagare sulla scomparsa dalle diva soul jazz britannica, deceduta nella sua casa di Londra il 23 luglio del 2011: come già affermato dal medico legale Andrew Reid, poi accusato di non essere sufficientemente qualificato per stilare il rapporto del caso, a risultare fatale all'allora ventisettenne cantante fu un'intossicazione accidentale da alcol.

Quella che potrebbe essere la parola "fine" alla triste vicenda che colpì due estati fa lo stardom musicale mondiale è stata posta oggi dal coroner di Westminster Shirley Radcliffe, nominato dal tribunale di Londra per la riapertura delle indagini sul caso. Le nuove analisi hanno evidenziato come nel sangue della cantante siano stati trovati 416 milligrammi di alcol su 100 millilitri di sangue, quantità di oltre cinque volte superiore a quella stabilita dalla legge che segna il limite (fissato a 80 milligrammi) per la guida in stato di ebbrezza.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.