SIAE: Acep, Arci e Audiocoop chiedono l'annullamento del nuovo statuto

SIAE: Acep, Arci e Audiocoop chiedono l'annullamento del nuovo statuto

Il nuovo statuto della SIAE, approvato a fine novembre, aveva sollevato immediatamente le critiche di chi lo ritiene sbilanciato a favore degli associati più danarosi e potenti, autori ed editori in grado di esercitare la loro influenza con il meccanismo dei voti "pesati" in funzione degli incassi di ciascuno. E sulla base di questa linea interpretativa si sono ora mosse Acep (Associazione Autori, Compositori e Piccoli Editori), Arci e Audiocoop, impugnando il provvedimento con un ricorso al TAR del Lazio. L'azione, notificata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al Ministero dell'Economia, al Commissario Straordinario della SIAE Gian Luigi Rondi, ai due subcommissari Paolo Stella Richter e Domenico Luca Scordino e alla stessa società degli autori, è finalizzata all'ottenimento di una sospensione cautelare dell'applicazione dello statuto e alla dichiarazione di illegittimità di un provvedimento che, secondo i ricorrenti, "attribuisce, in maniera pressoché esclusiva, la governance della società agli associati più ricchi ovvero a quelli che beneficiano delle somme maggiori in sede di riparto dei diritti d'autore incassati dalla SIAE". "Secondo il nuovo Statuto", sottolineano Acep, Arci e Audiocoop, "ogni associato ha diritto, in assemblea, a un voto più un voto per ogni euro incassato. In questo modo, aggiungono, le delibere assembleari relative alla nomina del Consiglio di Sorveglianza (fissata per il 1° marzo), "al quale lo Statuto affida, sostanzialmente, la totalità delle scelte relative alla vita dell'Ente, dipendono esclusivamente dagli associati più ricchi ovvero i grandi editori musicali facenti capo a poche multinazionali straniere e i grandi cantautori della musica leggera italiana. Una ventina di associati - in forza delle nuove regole - può governare la Società anche contro il volere e le indicazioni degli oltre 100 mila iscritti".

Secondo Roberto Rinaldi (presidente Acep), Carlo Testini (responsabile nazionale Cultura dell'Arci) e Giordano Sangiorgi (presidente di Audiocoop), peraltro, "l'adozione e l'approvazione del nuovo Statuto è solo l'ultimo atto di un disegno più complesso ordito con la ferma volontà di estromettere la maggioranza della base associativa dalla gestione della Società a favore dei soli associati più ricchi. L'attuazione di tale disegno è iniziata con l'adozione del decreto di Commissariamento della società che le Autorità vigilanti non avevano il potere di adottare e del quale, pure, i ricorrenti hanno richiesto ai Giudici l'annullamento".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.