Comunicato Stampa: Almamegretta in concerto al Palermo Summer Festival

Comunicato Stampa: Almamegretta in concerto al Palermo Summer Festival
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

EXODUS AGENCY
Presenta

L'evento più atteso del Palermo Summer Festival 2002

ALMAMEGRETTA IN CONCERTO
Giovedì 25 luglio 2002, ore 22
Fiera del Mediterraneo, ingresso sud
ingresso € 11

Apertura cancelli: ore 20, inizio concerto: ore 22 in punto
Fine concerto: ore 24 in punto

Le prevendite dei biglietti sono disponibili presso:
§ Ellepì dischi, via Libertà, 29/c;
§ Box office Ricordi mediastore, via Cavour, 133;
§ Track dischi, via XX Settembre 4;
§ Bar Recupero, via Malaspina 90/92;

Gli Almamegretta fanno tappa a Palermo con il 'Venite!Venite!' tour e l'attesa è davvero alle stelle. Le loro performance sono oramai un fiore all'occhiello tra gli eventi dell'estate palermitana ed anche in questa occasione il gruppo di Rais saprà creare quella magica alchimia tra sonorità mediterranee e giamaicane che lo rende unico nel panorama musicale moderno.
L'idea di pubblicare un album dal vivo nasce per strada, ma era in embrione già da molto tempo ( parte del materiale di questo album si riferisce infatti a tour meno recenti: registrazioni che erano in “attesa di” ).
Tra Giugno e Dicembre del 2001 gli Almamegretta compiono un tour di 38 date in tutta Italia con una line-up allargata che vede, oltre a Raiz , D.RaD e Gennaro T. la chitarra graffiante di Fefo e il basso potente di Ash, gia presenti in “Imaginaria” quinto album della band da poco pubblicato e nuovo capolavoro lungo una strada cadenzata da pietre miliari come “Lingo” e “4/4”.
I concerti di questa tournée in particolare sono performance memorabili, altrettante fotografie che ritraggono la band in uno stato di grazia creativo ed espressivo. Chi ha avuto in questi anni la fortuna di assistere ad un loro concerto, sa molto bene quanto sia dilatato per loro il concetto di live: il palcoscenico non è il luogo dove celebrare pubblicamente il rito discografico, non è lo spazio della pura riproposizione. I brani, così come li abbiamo conosciuti sugli album, sono la maggior parte delle volte soltanto dei punti di partenza riconoscibili, delle “porte” che attraversiamo per entrare poi in spirali di suoni che si avvolgono parallele agli originali. Il che non vuol dire semplicemente spingersi verso i confini dell'improvvisazione disordinata: è piuttosto un concetto che si avvicina a quello della composizione istantanea, o meglio, della ricomposizione. Ri-composizione nel senso letterale del termine, ovvero rimettere, ridisporre, riordinare in tante versioni alternative il materiale sonoro.
Per questo ogni concerto di Almamagretta è un evento unico e stupisce davvero constatare che “Venite ! Venite!” sia, in effetti, il primo vero album dal vivo della band, talmente tante sono state le occasioni in questi anni di registrane uno. Ma, conoscendo il perfezionismo di Raiz e compagni, evidentemente soltanto adesso poteva vedere la luce quello buono, sia per qualità tecnica – davvero eccelsa – che artistica. In effetti in “Venite! Venite!” si coglie in pieno quel gusto dell'assemblare di cui dicevamo un attimo fa. Brani che incontrano altri brani diventandone la prosecuzione naturale: accade con “The Cheap guru” e “Figli di Annibale” così come con “Riboulez le kick” e “Pa' chango” che si sviluppano in una suite di oltre 13 minuti, e con “Fa amore cu'mme” e “Nun te scurdà” . Ma in generale nessun momento di questa track list – che spontaneamente si tira dietro definizioni quali “Best of” o “Greatest hits” – è avaro di estensioni, sviluppi, invenzioni: lo testimonia la durata stessa del cd, quasi 75 minuti di musica.
“Venite! Venite!” è anche l'occasione per ascoltare due nuovissimi brani di Almamegretta, due assoluti inediti con i quali sarebbe stato un peccato mortale rimandare la conoscenza. Si intitolano semplicemente “Uno” e “Due” e altrettanto semplicemente sono straordinari, figli legittimi del clima di “Immaginaria” e comunque tra le migliori cose scritte dal gruppo in questi anni. Un canto antico, viscerale l' “Uno”, una ispirata canzone d'amore, da brivido, il “Due” (primo singolo estratto dall'album).

Website: www.almamegretta.net
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.