UK, nonostante Emeli Sandé e Adele vendite di album in calo dell'11 per cento

UK, nonostante Emeli Sandé e Adele vendite di album in calo dell'11 per cento

A dispetto di diversi successi eclatanti, nel corso del 2012 le vendite di album (Cd e download) nel Regno Unito sono calate dell'11,5 per cento rispetto all'anno precedente (100,5 milioni di pezzi in totale). La flessione, rivelano i dati di consuntivo appena pubblicati dall'associazione nazionale dei discografici British Phonographic Industry (BPI), è particolarmente pronunciata sul fronte dei compact disc, le cui vendite si sono ridotte di un quinto (- 19,5 per cento) a 69,4 milioni di pezzi venduti, mentre nello stesso periodo gli album digitali hanno registrato una crescita del 14,8 per cento (30,5 milioni di pezzi). Per il quinto anno consecutivo, viceversa, il mercato dei singoli ha registrato un aumento rispetto all'anno precedente, + 6 per cento per un totale di 188,6 milioni di pezzi rappresentati per il 99,6 per cento da singoli scaricati a pagamento in download. Intervistato da Music Week, l'amministratore delegato della BPI Geoff Taylor ha spiegato di vedere il bicchier mezzo pieno: "Per gli artisti britannici e per il futuro digitale della musica il 2012 è stato un anno incoraggiante", ha sostenuto, ricordando la cassa di risonanza positiva garantita da manifestazioni di grande richiamo internazionale come il Giubileo della Regina e le Olimpiadi di Londra e nonostante le condizioni economiche generali e il ridursi del reddito disponibile per tempo libero e intrattenimento abbiano inciso negativamente soprattutto sull'attività dei negozi "fisici" ubicati nei centri cittadini. "Gli album digitali sono cresciuti in maniera considerevole e le vendite dei singoli hanno registrato un nuovo record", ha osservato Taylor. "Senza contare che oggi milioni di appassionati di musica ascoltano miliardi di canzoni in streaming su nuovi servizi autorizzati dalle case discografiche".

"Abbiamo un potenziale eccellente a disposizione per far crescere il mercato interno e la nostra quota del mercato musicale mondiale", ha concluso l'ad dell'associazione dei discografici. "Speriamo che il Governo riconosca le potenzialità che la musica digitale ha di contribuire alla ripresa dell'economia e che offra un supporto più attivo nel 2013".

Nel corso del 2012 16 album hanno venduto in UK più di 100 mila copie: a capeggiare la classifica è "Our version of events" di Emeli Sandé, con 1,4 milioni di copie, seguito dal sempreverde "21" di Adele, "+" di Ed Sheeran, "Born to die" di Lana Del Rey, "Up all night" degli One Direction, "Babel" di Mumford & Sons, "Right place, right time" di Olly Murs, "Christmas" di Michael Bublé, "Mylo Xyloto" dei Coldplay e "Unapologetic" di Rihanna.



Contenuto non disponibile


La classifica dei singoli vede primeggiare "Somedbody that I used to know" di Gotye davanti a "Call me maybe" di Carly Rae Jepsen e "We are young" dei Fun. con Janelle Monae.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.