Beatles, Robert Zemeckis rinuncia definitivamente a rifare 'Yellow submarine'

Beatles, Robert Zemeckis rinuncia definitivamente a rifare 'Yellow submarine'

Il progetto di Robert Zemeckis di rifare "Yellow submarine", annunciato nell'agosto del 2009, è definitivamente naufragato. "Sarebbe stato bello riportare in vita i Beatles", ha spiegato il sessantunenne regista statunitense al sito Total Film. "Ma probabilmente è meglio non rifarlo, ogni volta che si affronta un remake ci si mette sempre in una situazione difficile".

Il film, per cui erano stati ingaggiati gli attori Cary Elwes, Dean Lennox Kelly, Peter Serafinowicz e Adam Campbell (nella parte, rispettivamente, di George Harrison, John Lennon, Paul McCartney e Ringo Starr) e la "tribute band" Fab4, avrebbe dovuto arrivare nelle sale cinematografiche in coincidenza con i Giochi Olimpici di Londra. Dopo avere assicurato il suo sostegno finanziario, tuttavia, già nel 2011 la Disney aveva deciso di lasciare perdere.

Zemeckis, regista di pellicole di grande successo come "All'inseguimento della pietra verde", "Chi ha incastrato Roger Rabbit", "Forrest Gump" e la trilogia di "Ritorno al futuro", aveva già diretto nel 1978 un film dedicato ai Beatles, "I wanna hold your hand" (tradotto in italiano con il titolo di "1964: Allarme a New York arrivano i Beatles"), e per "Yellow submarine" avrebbe voluto utilizzare immagini in 3D riproponendo le canzoni originali della colonna sonora (più una).

La versione originale del film d'animazione "Yellow submarine", come noto, risale al 1968 e venne realizzata da George Dunning; lo scorso mese di giugno è uscita nei negozi in formato Dvd e Blu-Ray la versione rimasterizzata della pellicola arricchita da un documentario sulla sua realizzazione ("Mod odyssey"), interviste e altri contenuti speciali.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.