Comunicato Stampa: Djivan Gasparayan e i musicisti del Nilo al Mediterranuoro Festival

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

DJIVAN GASPARYAN E I MUSICISTI DEL NILO
DOMANI DI SCENA AL MEDITERRANUORO FESTIVAL

Il MediterraNuoro Festival (a Nuoro, dal 15 al 19 luglio) continua a proporre appuntamenti con artisti internazionali di grande richiamo: domani, 17 luglio, sarà la volta di DJIVAN GASPARYAN, dall'Armenia, presso Casa Deledda (via Deledda, 28 - ore 19.00- ingresso libero) e dei MUSICISTI DEL NILO in Piazza Satta (ore 22.00 – ingresso libero).

Djivan Gasparyan è il più grande virtuoso di duduk, un antico strumento simile all'oboe fatto con il legno d'albicocco e capace di produrre un suono vibrante per un lungo periodo di tempo. Djivan Gasparyan sarà accompagnato da Luigi Cinque (clarinetto), Fulvio Maras (percussioni), Michel Godard (basso tuba e serpentone) e Gavino Murgia (sax).
Nelle mani del grande maestro, il duduk diventa il veicolo della musica spirituale e meditativa che eloquentemente evoca i paesaggi e la popolazione dell'Armenia. Considerato il più famoso musicista folk della sua terra, nasce nel 1928 a Solag, un villaggio vicino a Yerevan (la capitale armena). Incomincia a suonare il duduk all'età di 6 anni. Professore al Conservatorio di Yerevan, prepara più di 70 musicisti di duduk a performance professionali. Gasparyan ha fatto tournée in Europa, Asia, Medio Oriente, e negli USA si è esibito principalmente a New York e Los Angeles (dove è apparso con la Los Angeles Philharmonic). Recentemente ha registrato un album con i Kronos Quartet e Peter Gabriel.

I Musicisti del Nilo, indossando le gallabiyas, tipiche vesti egiziane, daranno vita ad una spettacolare rappresentazione, suonando la rababa, viella in crine di cavallo, noci di cocco e pelle di pesce.
Come i vecchi bardi di un tempo, i Musicisti del Nilo sono riusciti a portare sulle grandi scene di tutto il mondo la cultura e la musica cosiddetta “araba”. Da New York a Sidney, da San Paulo a Parigi, da Londra a Shiraz-Persépolis, attraverso festival jazz, rock, di musica classica, i Musicisti del Nilo sono divenuti un vero e proprio simbolo del loro popolo. Presenti fin dalla nascita delle “musiche del mondo”, i Musicisti del Nilo hanno debuttato al Womad di Peter Gabriel con il quale hanno collaborato all'album Passion.
Divisi in due ensemble, i Musicisti del Nilo non presentano solo l'arte ed il canto incisivo della viella “rababa” ma anche quello del “mizmar baladi”, l'oboe dell'Alto-Egitto. Gli ensemble di “mizmar” sono composti da 3 mizmars e dal “tabla baladi”, il grosso tamburo a doppia membrana.
Ad un tempo, artisti ed acrobati, i Musicisti del Nilo, incantano il loro pubblico con la spigliatezza dei grandi professionisti della scena. Verso la fine della rappresentazione, due danzatori si affrontano, bastone alla mano. I gesti si spostano abilmente dal ritmo, l'aspetto guerriero di questa danza si insinua nell'armonia del movimento.
I Musicisti del Nilo, hanno saputo conservare la loro autenticità e la loro naturalezza e restano la testimonianza vivente di una musica popolare che racchiude in sé antichità e modernità.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.