Streaming, Deezer lancia l'opzione gratuita (due ore al mese)

Streaming, Deezer lancia l'opzione gratuita (due ore al mese)

"Una corsa tra due soli cavalli": così Glenn Peoples di Billboard.biz definisce il mercato dei servizi di streaming in abbonamento, sempre più incentrato, sulla scena mondiale, sul dualismo tra Spotify e Deezer. Mentre la piattaforma svedese ha annunciato nei giorni scorsi un accordo di licenza con i Metallica e l'introduzione di nuove funzioni di scoperta musicale, la società francese ha appena lanciato nei 150 Paesi in cui è presente una versione gratuita (due ore di accesso al mese) finanziata dalle inserzioni pubblicitarie. Il suo parco abbonati, intanto, è salito in due mesi da poco più di un milione a tre milioni di utenti a pagamento, due in meno di Spotify.

L'opzione gratuita, spiega a Billboard.biz l'amministratore delegato Axel Dauchez, si rivolge a un pubblico potenziale di 600 milioni di persone e rappresenta "uno dei nostri investimenti più importanti". I finanziamenti (130 milioni di dollari) ottenuti in ottobre da Access Industries (proprietaria di Warner Music) e altri investitori permettono alla Web company transalpina di investire anche sul marketing, sulla prossima apertura di nuovi uffici nel mondo (oggi sono 15) e su nuovi prodotti. Tra questi è già attivo Deezer4Artists, funzione che consente agli artisti di gestire e personalizzare il proprio profilo caricando e aggiungendo contenuti vari (demo, brani registrati dal vivo, interviste e altro, eventualmente resi disponibili solo a certe categorie di utenti), di analizzare l'attività di ascolto e il profilo demografico dei fan e anche di utilizzare le applicazioni "aperte" (API) a disposizione per sviluppare nuovo software.

Quanto all'assenza perdurante dagli Stati Uniti, Dauchez spiega che "non è tanto l'accesso ai diritti per operare negli Usa a essere costoso, quanto la possibilità di emergere a causa della competitività del mercato. Il problema per chi vi entra non è solo Spotify, ma anche piattaforme di download come iTunes e Amazon e servizi di Internet radio popolari come Pandora. Ci arriveremo", conclude, "quando il mercato diventerà più sostenibile e troveremo i partner giusti".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.