Investimenti in start up musicali: nel 2012 primeggia Sonos (135 milioni di $)

Investimenti in start up musicali: nel 2012 primeggia Sonos (135 milioni di $)

C'è un settore musicale che non conosce crisi: quello che riguarda gli investimenti di fondi, venture capital , banche d'affari e private equity nelle start up del settore, cresciuti in un anno di quasi il 34 per cento secondo i dati raccolti ed elaborati dal sito Digital Music News.

La cifra complessiva ammonta per il 2012 a 619,3 milioni di dollari, e la Top 3 delle imprese che hanno rastrellato i maggiori capitali è capeggiata da Sonos (società statunitense che produce impianti e diffusori per l'ascolto in modalità wireless), 135 milioni di dollari, davanti alle piattaforme di streaming Deezer (Francia, 130 milioni di dollari) e Spotify (Svezia, 100 milioni di dollari): queste tre società insieme hanno raccolto quasi la metà del finanziamento complessivo.

I dati pubblicati da Digital Music News prendono in considerazione soltanto i finanziamenti confermati dalle società e dagli investitori o risultanti dai documenti presentati alle autorità competenti: tra gli altri maggiori beneficiari figurano Soundcloud (50 milioni di dollari), Roku (45 milioni), Ticketfly (22 milioni), The Echo Nest (17,5 milioni), TuneIn (16 milioni), Rap Genius (15 milioni), WhoSay (12 milioni) e Songkick (10 milioni), mentre più sotto si collocano Jelli Radio (9 milioni), Gumroad (7 milioni), Next Big Sound (6,4 milioni), Moontoast (6 milioni), Triplay (5 milioni), Backplane e Popdust (4,5 milioni), Sonic Notify (4,250 milioni), Soundrop (3 milioni), Gobbler (1,750), SeatGeek (1,650), exfm e Songza (1,5), Murfie (1,4), Mobile Backstage (1,3), TasteMakerX e Roqbot (1,2), Senzari, 88tc88, MyMusic e Qvivo (1), Musicplayr (650 mila dollari), Fanzy e Music Xray (500 mila dollari).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.