Francia, per uno studio governativo 'difficile valutare l’efficienza di Hadopi'

Francia, per uno studio governativo 'difficile valutare l’efficienza di Hadopi'

Un report sugli orientamenti delle politiche culturali e digitali commissionato in Francia dal Ministero della Cultura apre nuovi interrogativi sulla validità della normativa nazionale "Hadopi" di "risposta graduale" al file sharing illegale e sul funzionamento dell'organo amministrativo incaricato di applicarla. Basandosi su una sessantina di interviste condotte tra imprese e operatori del settore dell'intrattenimento, organizzazioni di categoria e associazioni dei consumatori, la commissione incaricata dell'indagine - che verrà pubblicata solo nel marzo del 2013, ma di cui sono già affiorate le prime risultanze - sembra tratteggiare un quadro incerto, quanto all'efficacia delle misure antipirateria fortemente volute da Nicolas Sarkozy ma molto meno popolari tra i funzionari del governo presieduto da François Hollande.

Il report riconosce che il meccanismo della risposta "graduale" (basato sul principio dell'eventuale sospensione della connessione Internet agli utenti recidivi dopo l'invio di due notifiche di avvertimento) ha indubbiamente prodotto un crollo del file sharing p2p, ma osserva anche che il fenomeno della pirateria potrebbe essere semplicemente trasmigrato in campi come lo streaming e il download diretto da piattaforme e cyberlocker illegali, non monitorati direttamente dall'attività di "polizia" dell'Hadopi. La efficienza di quest'ultima, di conseguenza, sarebbe "difficile da valutare con precisione".

L'Hadopi è in vigore dal 2009, e fino ad oggi ha prodotto una sola condanna (con una ammenda di 150 euro): troppo poco per giusticare i costi della sua struttura burocratica, secondo i detrattori, mentre i promotori dell'iniziativa ne sottolineano al contrario l'efficace opera di prevenzione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.