Plug In 2002: il parlamentare Rick Boucher bacchetta le major

Invitato a tenere il 'keynote' della prima giornata della settima edizione del "Plug In", il più importante appuntamento su internet e musica che anche quest'anno si tiene come da consuetudine a New York (Hilton, 8 e 9 luglio), Rick Boucher - deputato della Virginia a capo, tra gli altri, della commissione "Courts, internet and intellectual property" - ha parlato a braccio per quasi un'ora mettendo a fuoco la strategia con la quale, insieme a un collega dello stato dell'Utah, intende contribuire a sbloccare lo stallo che imbavaglia l'industria discografica, affrontando (ovviamente) la materia sotto il profilo normativo.

Boucher, la cui prima legge riguardante il mondo online fu promulgata nel 1993 e rese legale l'utilizzo commerciale dell'allora nascente internet, si è poi rivolto ripetutamente alle case discografiche perché facciano la loro parte: "Mi congratulo sinceramente per la nascita di MusicNet e PressPlay, perché sono passi che vanno nella giusta direzione per rivitalizzare il mercato della musica digitale. Ma non basta: major, mollate i freni, confidate come me che la maggior parte del pubblico americano è onesto e che, alle giuste condizioni, ha intenzione di pagare per il consumo della musica. E' necessario che le major mettano a disposizione da subito l'intero catalogo musicale in versione digitale, che i brani siano acquistabili anche singolarmente, che costino un prezzo equo e che gli acquirenti - coerentemente con la tradizione del "fair use" - possano liberamente trasferirli su supporti diversi".

Prima di chiudere il suo intervento, Boucher non ha risparmiato una frecciata ulteriore, parlando della tecnologia di protezione dei CD: "Le major si lamentano giustamente per i milioni di brani scaricati gratuitamente.

Ma cosa fanno? Investono somme ingenti per proteggere i CD. Se oggi entrate nella libreria di qualsiasi college americano, è facile che possiate leggere il codice di protezione infranto da qualche studente direttamente su una t-shirt in vendita. Cosa accade una volta scardinato il codice (una cosa che avviene regolarmente in poco tempo, come insegna la tradizione di ogni nuova tecnologia)? I brani di quel CD finiscono nei circuiti 'peer to peer', e circolano gratis e liberamente. Sono sinceramente perplesso dall'atteggiamento e dalla strategia delle major. L'altro giorno ho letto il 'disclaimer' sul retro della copertina di uno di questi CD protetti: "L'utilizzo non autorizzato di questo CD è inibito da una tecnologia", diceva all'incirca. Ebbene, oltre a non essere del tutto comprensibile ai più e ad andare contro la tradizione del 'fair use', quella dicitura non spiega nemmeno che il CD non è utilizzabile su un PC né leggibile su un DVD". .

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.