Vivendi, i Bronfman vogliono ricomprarsi la Universal?

Vivendi, i Bronfman vogliono ricomprarsi la Universal?
Edgar Bronfman Jr, gran manovratore della multinazionale canadese Seagram prima della fusione con Vivendi, sarebbe interessato a riprendersi la proprietà della Universal (cinema e musica) se l'occasione dovesse presentarsi vantaggiosa (leggi: se gli attuali vertici della holding francese, sempre più con l'acqua alla gola, si trovassero costretti a svendere).
Lo sostengono alcuni addetti ai lavori addentro all'intricata disavventura finanziaria che ha per protagonista Vivendi Universal, fino a pochi mesi fa orgoglio della nazione francese. E l'ipotesi non è peregrina, dopo che il nuovo amministratore delegato ad interim Jean-René Fourtou ha ammesso che l'azienda ha bisogno di altro credito e di liquidità se vuole far fronte ai debiti incombenti: una prima tranche dei quali, equivalente a 1,8 miliardi di €, già in scadenza questo mese. La società ha affidato alla Goldman Sachs (assai vicina, a quanto si dice, alla famiglia Bronfman) l'incarico di “monitorare” la condizione finanziaria del gruppo, e il quadro che ne emerge è impietoso: Vivendi Universal ha in cassa 2,4 miliardi di € ma, come già si sapeva, sul suo bilancio grava un indebitamento complessivo di 19 miliardi di €. Per fortuna del gruppo, creditori come la Société Générale, la Banque Nationale de Paris e la Deutsche Bank sarebbero già pronti ad aprire un'altra volta i rubinetti, concedendo un nuovo prestito del valore complessivo di 2,5 miliardi di €: che tuttavia, da solo, non sarà sufficiente.
Ci si chiede quindi cosa faranno Fourtou e i suoi collaboratori per alleggerire la situazione: sembra che il gruppo, su pressione anche dell'entourage del presidente Jacques Chirac, punti a salvaguardare in primo luogo il patrimonio nazionale ed in particolar modo Canal Plus, l'emittente via cavo che finanzia gran parte del cinema francese. I quotidiani riportano in questi giorni che Vodafone sarebbe interessata a rilevare le proprietà Vivendi in campo telefonico (Cegetel), mentre degli appetiti non sopiti di Bronfman si è già detto. Intanto gli stati generali dell'azienda hanno invitato tutte le consociate del gruppo a produrre il massimo sforzo per tenere elevato il livello della performance. E in Italia? I vertici di Universal Music professano tranquillità sulla base della incontrastata posizione di leadership di cui godono sul mercato, ma è evidente che un nuovo cambio di proprietà non potrebbe essere vissuto senza traumi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.