Vivendi Universal nel caos: che ne sarà della musica?

Le prime pagine dei quotidiani nazionali ed internazionali riportavano ieri (mercoledì 3 luglio) le drammatiche notizie relative all'ennesimo tracollo in Borsa subìto dal gigante mediatico francese (- 46,55 % a Wall Street, - 40,9 % a Parigi, con parziale ripresa a – 25,52 % a termine delle contrattazioni), cui non è bastato offrire sul piatto la testa dell'amministratore delegato Jean-Marie Messier (dimissionario in queste ore) per riconquistare la fiducia di azionisti e creditori fortemente esposti come Deutsche Bank e Bnp Paribas.
Mentre il discusso capitano abbandona la tolda di comando augurandosi che l'azienda resti saldamente in mani francesi (proprio lui, che era stato accusato di alto tradimento e di voler “americanizzare” la società transalpina), osservatori ed investitori cominciano ad interrogarsi sugli effetti a largo raggio dello shock finanziario sofferto da Vivendi nonché sulle misure di emergenza che Jean-René Fourtou, successore designato ad interim di Messier, dovrà prendere per cercare di tamponare la voragine dei debiti (compresi tra i 9 e i 29 miliardi di €, a seconda delle fonti) gravante sui bilanci aziendali: che oltretutto, secondo indiscrezioni riportate da Le Monde e subito smentite dall'azienda, sarebbero stati truccati con la complicità dei revisori per evitare di pubblicare un conto economico in rosso (il presunto scandalo riguarda l'occultamento in bilancio di un miliardo e mezzo di € legati alla vendita di azioni nella TV BskyB)
Sembra certo che Fourtou, o chi per lui, riceverà il mandato di tagliare, liquidare e vendere rami d'azienda poco produttivi o rapidamente convertibili in liquidità (altre quote di Vivendi Environnment, la società che si occupa di ambiente e di gestione dell'acqua potabile? Le partecipazioni in alcune emittenti TV o in imprese on-line di scarso successo come il portale Vizzavi?): e qualcuno già si domanda se tra questi possa rientrare anche la divisione discografico-musicale, dove Vivendi opera con il marchio Universal Music. Difficile immaginarlo allo stato attuale, dal momento che proprio musica e cinema sono il settore di provenienza e di cruciale interesse per la famiglia Bronfman, massima oppositrice della politica di Messier e detentrice delle quote di maggioranza nel consiglio di amministrazione. Ma certo le ripercussioni di una condizione finanziaria pesantemente compromessa, a livello di holding (qualcuno parla già di bancarotta...) potrebbero farsi sentire eccome sulle attività musicali del gruppo, che già lo scorso anno – a differenza del cinema – hanno vissuto una stagione poco brillante a livello mondiale, siglata da una flessione dell'1 % nel fatturato per un valore di 6,560 miliardi di €. Ciò malgrado, con quote di mercato oscillanti, a seconda dei paesi, tra il 25 e il 35 %, Universal resta la leader incontrastata del mercato musicale, presente in 63 paesi e con oltre 12 mila dipendenti nel mondo. Sembrava a prova di bomba, fino a qualche mese fa: e invece, come altre major della musica, forse è seduta su una polveriera.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.