UK, nel 2012 boom di truffe online sui biglietti dei concerti

UK, nel 2012 boom di truffe online sui biglietti dei concerti

Il 2012 è stato un annus horribilis per gli appassionati inglesi di musica dal vivo abituati a utilizzare il Web per procurarsi i biglietti degli spettacoli dei propri artisti preferiti: stando ad una ricerca di Action Fraud, osservatorio britannico sulle attività illecite online, negli ultimi dodici mesi sono state segnalate oltre 3000 truffe connesse alla vendita di tagliandi per live show contro le sole 600 denunciate nel 2011.

Il fenomeno, ovviamente, non riguarda le piattaforme di prevendita autorizzate, ma le transazioni condotte su siti terzi non collegati ai circuiti ufficiali. E le storie raccolte dai tanti truffati si somigliano più o meno tutti: biglietti pagati in anticipo ma mai fatti recapitare a destinazione.

Le società di ticketing, ovviamente, non dormono sonni tranquilli: "Nel caso di transizioni corrette, non c'è ragione per inibire gli scambi sul mercato secondario", ha ammesso il presidente di AEG Live Rob Hallett, "Il problema, oggi come oggi, è la mancanza di una legislazione appropria in merito. E come se avessimo lasciato i cancelli aperti a un gruppo di cowboy pronti a fare un massacro: come industria della musica dal vivo abbiamo bisogno di arginare questo fenomeno, per difendere i consumatori".

"I biglietti per i concerti sono molto richiesti, e la gente spesso arriva alla disperazione pur di aggiudicarseli", ha dichiarato alla BBC il portavoce di Action Fraud Steve Profit: "E' proprio questa disperazione a portare la gente a correre dei rischi sui siti non ufficiali. E' importante, però, che chi venga truffato segnali la propria esperienza alla polizia, in modo che si possano prendere provvedimenti contro le realtà che tengano una condotta scorretta".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.