Web radio, Pandora esce dai confini Usa e debutta in Australia e Nuova Zelanda

In dodici anni di vita la Internet radio Pandora non aveva mai varcato i confini degli Stati Uniti: succede ora, per la prima volta, in Australia e in Nuova Zelanda, dove la società californiana (la sede è a Oakland), dopo un beta testing iniziato a luglio, ha iniziato a introdurre la sua offerta in streaming precisando che in Nuova Zelanda pagherà ad autori e interpreti una royalty inferiore al 25 per cento degli introiti.

Già l'estate scorsa, l'amministratore delegato Joe Kennedy aveva spiegato a Billboard.biz di avere scelto il continente australe perché soddisfatto degli accordi raggiunti con i detentori dei diritti. "E' quello", aveva dichiarato allora, "il collo di bottiglia in quasi tutto il mondo" (per contro, 125 artisti tra cui Don Henley, Brian Wilson, i Pink Floyd, Rihanna, Katy Perry e Britney Spears hanno indirizzato a Pandora una lettera aperta per protestare contro i suoi tentativi di far ridurre le percentuali di royalty per legge o tramite le sentenze dei tribunali).

L'Australia, ricorda lo stesso Billboard, è il sesto mercato discografico al mondo in termini di vendite di supporti sia fisici che digitali. Nel Paese Pandora si è assicurata i diritti di riproduzione di circa un milione di brani appartenenti a più di 100 mila artisti negoziando le licenze con la Australasian Performing Right Association (APRA) e con la Australasian Mechanical Copyright Owners Society (AMCOS). La Nuova Zelanda occupa invece il trentesimo posto sul fronte del mercato fisico e il ventiquattresimo sul mercato digitale. 

    In dodici anni di vita la Internet radio Pandora non aveva mai varcato i confini degli Stati Uniti: succede ora, per la prima volta, in Australia e in Nuova Zelanda, dove la società californiana (la sede è a Oakland), dopo un beta testing iniziato a luglio, ha iniziato a introdurre la sua offerta in streaming precisando che in Nuova Zelanda pagherà ad autori e interpreti una royalty inferiore al 25 per cento degli introiti.

    Già l'estate scorsa, l'amministratore delegato Joe Kennedy aveva spiegato a Billboard.biz di avere scelto il continente australe perché soddisfatto degli accordi raggiunti con i detentori dei diritti. "E' quello", aveva dichiarato allora, "il collo di bottiglia in quasi tutto il mondo" (per contro, 125 artisti tra cui Don Henley, Brian Wilson, i Pink Floyd, Rihanna, Katy Perry e Britney Spears hanno indirizzato a Pandora una lettera aperta per protestare contro i suoi tentativi di far ridurre le percentuali di royalty per legge o tramite le sentenze dei tribunali).

    L'Australia, ricorda lo stesso Billboard, è il sesto mercato discografico al mondo in termini di vendite di supporti sia fisici che digitali. Nel Paese Pandora si è assicurata i diritti di riproduzione di circa un milione di brani appartenenti a più di 100 mila artisti negoziando le licenze con la Australasian Performing Right Association (APRA) e con la Australasian Mechanical Copyright Owners Society (AMCOS). La Nuova Zelanda occupa invece il trentesimo posto sul fronte del mercato fisico e il ventiquattresimo sul mercato digitale. 

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.