CD Baby, 250 milioni di dollari agli artisti indipendenti

CD Baby, 250 milioni di dollari agli artisti indipendenti

Per dimostrare la sostenibilità crescente dei loro modelli di business, gli operatori della musica digitale sfornano sempre più di frequente informazioni aggiornate sulle royalty pagate ad artisti e case discografiche: e dopo i 200 milioni di dollari annunciati da Vevo e i 500 milioni di dollari dichiarati da Spotify è ora il distributore online di musica indipendente Cd Baby a spiegare di avere distribuito nel mondo oltre 250 milioni di dollari (50 milioni solo quest'anno) agli artisti associati per le vendite di Cd e di musica in download, per lo streaming on-demand e (da quest'anno) per le licenze di sincronizzazione.

"Sono anni che ogni lunedì paghiamo i musicisti", ha spiegato il presidente della società Brian Felsen, "ma avere ora raggiunto quota 250 milioni è un grande risultato per gli artisti che lavorano con CD Baby, che voglio ringraziare e con cui desidero congratularmi". In cambio di una commissione calcolata su ogni brano o su ogni album, CD Baby garantisce agli artisti privi di contratto discografico la distribuzione dei loro prodotti sui principali store digitali e nei migliori negozi di dischi tradizionali ma anche la possibilità di vendere direttamente ai fan via Internet attraverso un widget e l'applicazione Facebook del suo MusicStore, mentre il nuovo programma di "sync-licensing" assicura loro una remunerazione ogni volta che la loro musica viene inclusa in un film, un programma televisivo o un videogioco, oppure diffusa su canali online come YouTube.

"Sono orgoglioso del fatto che centinaia di migliaia di musicisti, nel corso degli anni, si siano rivolti a CD Baby per soddisfare le loro esigenze di distribuzione", ha spiegato Felsen. "Vorrei cogliere questa opportunità per congratularmi con tutti loro, non solo con quelli più 'consolidati' che vivono delle sole vendite di musica, ma con chiunque si appoggi a noi per far arrivare la sua musica al mondo. Ogni volta che si crea una nuova canzone o un nuovo disco, si arricchisce la propria vita e quella delle persone con cui si viene a contatto".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.