Il fratello di Nick Carter (Backstreet Boys) denuncia il suo manager

Il fratello di Nick Carter (Backstreet Boys) denuncia il suo manager
Non è più il dolce bambino che alle sue fan tedesche faceva tanta tenerezza sulle pagine di “Bravo”, cinque anni fa. Adesso Aaron Carter è un bel ragazzino di quattordici anni e mezzo ed ha iniziato a farsi un po’ di conti in tasca da solo. Ed ha scoperto che gli mancano molti, molti soldi. Così, consigliato dai genitori e contattato uno studio legale, Aaron Charles Carter, nato a Tampa, Florida, ha provveduto a denunciare il suo ex manager, il potentissimo Lou Pearlman. L’uomo, ex guru degli ‘N Sync e dei Backstreet, quest’ultimo il gruppo in cui milita Nick, il fratello di Aaron, si sarebbe “dimenticato” di versare al denunciante alcune centinaia di migliaia di dollari. Per Aaron il successo giunse nel 2000, quando negli USA il suo album “Aaron’s party (Come get it)” andò piuttosto bene in classifica. Il ragazzo ha quattro tra fratelli e sorelle ed è venuto al mondo, il 7 dicembre ’87, pochi secondi prima della gemella Angel.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.