Charts e indie-rock: la prima volta dei Punkreas

Charts e indie-rock: la prima volta dei Punkreas
L’indie-rock di casa nostra bussa forte alle porte delle classifiche di vendita. Non è una novità di stagione, e in molti avevano già avuto modo di accorgersi che qualcosa era cambiato nel panorama musicale nazionale. Ora però i segnali si sono fatti numerosi e diventano inequivocabili: mentre il marketing discografico e la pop music nazionale segnano il passo, la strada sembra improvvisamente in discesa per le rock band rodate da anni di sangue, sudore e lacrime sui palchi di tutta Italia, baciate da un rapporto solido e confidenziale con i fan e oggi sempre più a loro agio anche in ambienti ritenuti fino a qualche tempo fa fuori portata: le charts, appunto, dei dischi più venduti (mancano all’appello le radio, ma questo è un altro discorso).
I Punkreas erano uno dei gruppi attesi al varco, dopo l’impronta lasciata dal precedente “Pelle”, il primo disco pubblicato dalla Disco Più di Lino Dentico e distribuito dalla major Universal dopo quattro album autoprodotti. E l’inizio del loro nuovo capitolo è più che promettente: il nuovo CD “Falso” debutta oggi (lunedì 24 giugno) al diciottesimo posto delle classifiche FIMI/Nielsen, sull’onda di una prima distribuzione di circa 15 mila pezzi, di un prezzo di vendita contenuto (al di sotto dei 14 €) e di una strategia commerciale più smaliziata “Quando uscì ‘Pelle’ la Universal consegnò il disco ai rivenditori a metà settimana, ma stavolta siamo stati attenti a metterlo in commercio più tardi, così da sfruttare un’intera settimana di rilevazione” spiega il presidente della Disco Più Lino Dentico, la cui famiglia gestisce una delle più famose società di distribuzione indipendente in Italia. Lo ska-punk senza compromessi proposto dal quartetto dell’hinterland milanese, uno dei punti fermi del circuito live “alternativo”, raccoglie dunque consensi crescenti (“Pelle” non era andato oltre la 43 ma posizione, vendendo poco meno di 10 mila copie di primo acchito) e piazza in souplesse il miglior esordio della settimana: meglio di Marina Rei, ventisettesima con il suo primo album per la BMG; e anche meglio dei celebrati Cousteau, che la settimana scorsa, al debutto, hanno collocato il loro “Sirena” in 23 ma posizione. Intanto per i Punkreas è pronto il video del primo singolo, “Canapa” che dovrebbe servire a diffondere ulteriormente il verbo. “Se le cose continuano così”, chiosa Dentico, “le 50 mila copie e il disco d’oro sono un traguardo più che realistico”. Non tutta la musica è in crisi, parrebbe di capire.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.