Operazione Zomba: un affare per BMG?

La casa discografica di Britney Spears, 'N Sync e R. Kelly vale davvero la fantasmagorica cifra (3 miliardi di dollari) sborsata dalla BMG per assicurarsene la proprietà? Se lo chiede il net-magazine HITS Dailydouble, facendo i conti in tasca alla società di Clive Calder. E la risposta dei redattori del Website americano, mai troppo teneri nei confronti dell'industria discografica, è che il potenziale di fuoco di Jive e Zomba resta impressionante, per quanto gli anni d'oro del “teen pop” che ne hanno caratterizzato l'irresistibile ascesa (1999-2000) siano probabilmente un ricordo del passato(e l'effetto lo si è visto di recente anche nelle classifiche italiane…).
Bertelsmann e BMG hanno investito pesantemente sulle azioni della Spears, la quale – sostengono gli esperti americani - sembra avere le carte in regola per sopravvivere al riflusso dell'onda teen pop ed affermarsi stabilmente come superstar di livello mondiale. I tedeschi contano molto anche sulla maturazione degli 'N Sync (e sono in corsa per pubblicare il primo album solista di Justin Timberlake) e nutrono grandi speranze sull'ultimo arrivato nella scuderia, Aaron Carter. Più incerti, sottolinea HITS, sembrano i destini di R. Kelly, alle prese con spiacevoli vicende giudiziarie, e dei Backstreet Boys, di cui non si conoscono le mosse future.
Il gruppo di Calder è invece ben messo sul versante hard rock (con i Tool, che tuttavia sono in comproprietà con la Q Prime) e nell'area gospel/Christian music, genere tutto americano che contribuisce per circa un quarto alla quota di mercato complessiva della Zomba, che oggi è del 3,3 % in USA. La Jive, pur lontana dai fasti di due anni fa, vale comunque un rispettabile 2,4 %, ciò che la rende in questo momento la seconda etichetta più importante del gruppo BMG dopo la Arista (4,2 %). E non bisogna sottovalutare il fatto che, presi globalmente, i cinque “big seller” del gruppo (Spears, Backstreet Boys, 'N Sync, R. Kelly e Tool) hanno venduto quasi 58 milioni di copie negli ultimi due anni e mezzo.
Infine, ma non meno importante, c'è il fatturato garantito dalle edizioni musicali, business nel quale la Zomba risulta costantemente tra le cinque maggiori aziende del mondo: tra le canzoni che amministra ci sono quelle di gruppi rock di grande successo come Linkin Park, Korn e Limp Bizkit e di neo star del soul come Macy Gray oltre a, naturalmente, gli hits del produttore svedese Max Martin, artefice numero uno del fenomeno teen-pop di cui sopra.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.