Musica digitale, Neil Young cerca alleati per Pono tra i gestori di locali

Musica digitale, Neil Young cerca alleati per Pono tra i gestori di locali

La strenua battaglia personale che Neil Young sta conducendo in vista del miglioramento del suono digitale (un impegno che affiora con evidenza anche nella sua recente autobiografia, "Waging heavy peace", e persino in una canzone del recente "Psychedelic pill", il tour de force di ventisette minuti e mezzo "Driftin' back") sta portando il musicista canadese a cercare alleati nel mondo dei bar, dei club e degli altri locali pubblici che diffondono musica registrata.

Il gestore di un club, che ha preferito rimanere anonimo, ha raccontato di essere stato contattato dallo staff di Young per testare Pono, il servizio di musica digitale che promette una qualità audio superiore a quella del Cd e che richiede un dispositivo di lettura apposito dal momento che computer e smartphone non dispongono dell'hardware necessario per leggere file ad alta risoluzione (Young lo ha presentato in anteprima in tv, ad esempio al Late Night with David Letterman). Il piano di Young, dunque, prevederebbe un lancio del sistema nei locali pubblici prima ancora che una commercializzazione del prodotto nei negozi di alta fedeltà e di elettronica di consumo; in questo ambito, Pono si porrebbe dunque in competizione con servizi di musica digitale preesistenti quali Pandora, Sirius XM, DMX e Muzak.

A quel punto però, fa osservare Eliot Van Buskirk di Evolver.fm, la qualità dell'esperienza di ascolto sarebbe legata anche a variabili esterne, dipendendo più ancora che dalla qualità della sorgente audio dai terminali del suono, e cioè dalle casse acustiche impiegate dal locale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.