Social Video Report 2012: in UK il 45 % degli internauti guarda video musicali

Gli italiani sono tra i massimi consumatori mondiali di video online, ma anche gli inglesi (o meglio i cittadini del Regno Unito, includendo nel computo anche scozzesi, gallesi e irlandesi del Nord) non sono da meno: il 78 per cento degli utenti Internet residenti in territorio britannico o nordirlandese, secondo il Social Video Report 2012 che analizza i modelli di consumo e i comportamenti di acquisto dei consumatori, guarda filmati in rete ogni settimana.

La ricerca, condotta da Entertainment Media Research per conto dell'agenzia di marketing digitale Visibility IQ, è focalizzata sugli utenti Internet di età compresa tra i 15 e i 64 anni e si fonda su 2.600 interviste condotte tra il luglio e il settembre 2012: tra le sue principali risultanze, il fatto piuttosto prevedibile che le piattaforme più utilizzate per la fruizione di video sono YouTube, Facebook e Google, frequentate settimanalmente dal 67, il 56 e il 52 per cento del campione, e quello, rilevante, che il consumo di video sta traslocando gradualmente dai pc e dai desktop a smartphone, iPad e tablet, ma anche alle home tv. Mentre dal 2009 ad oggi l'utilizzo a questo scopo, e su base settimanale, dei dispositivi fissi è calato dal 72 al 66 per cento, quello degli smartphone è più che raddoppiato dal 31 al 66 per cento, stessa percentuale rilevata tra i possessori di tavolette elettroniche mentre è passata dal 15 al 60 per cento quella relativa ai possessori di Smart Tv connesse a Internet.

Dal sondaggio risulta che il 45 per cento degli utenti guarda video musicali, mentre il 54 per cento si orienta su quelli riguardanti i propri hobby o interessi personali e il 48 per cento ricerca filmati sulle notizie del giorno. I consumatori più assidui sono i giovani maschi di età compresa tra i 15 e i 34 anni (l'81 per cento dei quali guarda video ogni giorno), seguiti dagli studenti (78 per cento) e dalle femmine dai 15 ai 24 anni di età (il 73 per cento, sempre su base quotidiana).

Rilevanti, per imprese e investitori, altri dati che emergono dell'indagine: quasi la metà degli utenti Internet del Regno Unito, il 46 per cento, guarda ogni settimana video collegati a un brand commerciale, con percentuali interessanti tanto per i filmati contenenti dimostrazioni di prodotti (36 per cento) che per gli spot televisivi (33 per cento), per i contenuti di "branded entertainment" (22 per cento) come per i video educativi (20 per cento). Tra coloro che guardano online dimostrazioni di prodotti, poi, il 96 per cento fa sapere di farlo soprattutto in vista di un possibile acquisto portato a termine dal 57 per cento dei consumatori (il 70 per cento nella fascia d'età 15-34 anni, mentre il 71 per cento degli utenti in generale ripete l'acquisto in due o più occasioni nel corso dell'anno). Oltre ad essere propedeutica all'acquisto, la visione dei video legati a marchi commerciali spinge gli utenti a visitare i siti delle imprese (il 54 per cento del campione) o a scrivere un commento positivo sul prodotto o servizio (il 37 per cento).

Importanti anche le implicazioni virali del fenomeno: più della metà di coloro che guardano video collegati in qualche modo a un marchio commerciale ne condividono i contenuti con amici potenzialmente interessati allo stesso prodotto o servizio.

Music Biz Cafe Summer: le conseguenze della pandemia su major e indie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.