Marsili (CMI) stuzzica le major: 'Tutte le novità a 10 euro'

No alla riduzione dell’aliquota IVA sui dischi, sì all’abbattimento generalizzato dei prezzi al consumo, 5 € per i CD di catalogo, 10 per le novità discografiche.
E’ l’ultima provocatoria proposta di Marco Marsili, presidente della CMI (Confederazione della Musica Italiana, aderente alla Confcommercio) e “guastatore” numero uno della scena musicale italiana, a proposito di uno dei temi più dibattiti di questi tempi tra gli operatori del settore e i loro interlocutori in Parlamento.
Una boutade gratuita,un'ennesima manovra di disturbo nei confronti dell’establishment musicale e nulla più? “No”, assicura Marsili al telefono con Rockol, “e lo spiegano bene i dati sul consumo discografico che la SIAE ha diffuso nelle scorse settimane. Mentre il resto del mercato collassa, la produzione di CD ‘budget’ e a medio prezzo è cresciuta di tre milioni di pezzi lo scorso semestre: segno che il pubblico i dischi li compra, quando ritiene che il prezzo sia giusto. Non basta - aggiunge (e il riferimento alla major Universal è evidente) - vendere vecchi fondi di magazzino a 10 € per affrontare il problema alla radice”.
Ma è davvero realistico, controbattiamo, pensare di vendere una novità a 10 €, un prezzo dirompente rispetto alla realtà di mercato, anche internazionale? “Duplicare un disco costa meno di 1€, la SIAE incide – e solo sul venduto - per meno del 10 %, le royalty di un artista o di un gruppo esordiente non superano l’8 %: bisognerà pur spiegare al pubblico dove va a finire il resto dei soldi”, ribatte convinto il presidente della CMI, associazione di "indies" in cui confluiscono oggi aziende come Discopiù, JT Company, Target e Mithos (la nuova etichetta di Anna Oxa). Marsili non lesina critiche neppure alle pop star locali : “Per far bella figura con la stampa, incolpano le case discografiche del caro CD: ma poi sono loro i primi a chiedere minimi garantiti esagerati su dischi che, quando non hanno successo, finiscono per gravare sulle spalle altrui e per penalizzare i loro colleghi. E a che servono quei video da centinaia di migliaia di euro che finiscono su due TV musicali e non fanno vendere una copia in più?”. E dunque, conclude, quello dell’IVA è l'ultimo dei problemi. “Se anche il governo avesse i margini di manovra per ridurre l’aliquota dall’attuale 20 % chi ci garantisce che le multinazionali non ne approfitterebbero per incamerare il bonus fiscale a loro esclusivo beneficio? Il rischio, più che concreto, è che per i consumatori non cambi nulla. E che ci rimettano ancora una volta quelle case indipendenti che i prezzi scontati li praticano già da un pezzo”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.