Gianluca Dettori: 'Il CD è destinato a diventare l'equivalente del vinile oggi'

Il CD, supporto della musica digitale, è destinato a sparire e diventare un oggetto da collezione come è accaduto al vecchio disco in vinile. Questo secondo Gianluca Dettori, amministratore di Vitaminic, società di diffusione di musica digitale a pagamento, in rispetto dei diritti d'autore: “Per i ragazzi il CD non è più attraente: sono nati con il telefonino in mano, le chat e gli Mp3 e non vogliono più quel pezzo di plastica con dieci brani sopra, incisi e decisi dalle case discografiche. A breve decollerà la diffusione e l'utilizzo dei lettori Mp3 di nuova generazione, che avendo al posto della memoria Ram un piccolo hard-disk sono meno costosi e permettono di portare con sé mille ore di musica. Il che equivale a circa 1000 CD”. (Fonte: La Stampa)
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.