Sondaggio UK: nel 2013 stesso pubblico ai concerti, meno presenze ai festival

Sondaggio UK: nel 2013 stesso pubblico ai concerti, meno presenze ai festival

Forte di una tradizione storica nei festival musicali all'aperto, il Regno Unito potrebbe andare incontro a una stagione 2013 tutt'altro che esaltante. Un sondaggio effettuato dall'ente YouGov SixthSense, infatti, prevede per l'anno prossimo un'ulteriore flessione di partecipanti dal momento che nel campione di intervistati solo il 19 per cento di coloro che in passato ha partecipato a un festival musicale prevede di ripetere l'esperienza l'anno prossimo, mentre il 54 per cento ha già deciso di rinunciarvi. I motivi più citati attengono al sovraffollamento e alle code eccessive (il 37 per cento del campione), ai prezzi troppo alti dei biglietti (il 35 per ento), alla preferenza di una vacanza di tipo tradizionale (22 per cento) e alla scarsa voglia di affrontare nuovamente brutto tempo e campi fangosi (18 per cento).

D'altra parte, sembra che nel Regno Unito la recessione economica non abbia indotto tutti gli appassionati a rinunciare ai concerti, né a diminuire il budget dedicato alla musica dal vivo: secondo un altro studio condotto da YouGov, il 56 per cento degli adulti che ha frequentato in passato un concerto musicale non ha cambiato sostanzialmente abitudini, mentre il 36 per cento ha ammesso di avere sentito l'impatto della situazione economica riducendo il numero di concerti a cui assiste (l'83 per cento) o orientandosi verso eventi meno costosi (il 38 per cento). Il 44 per cento del campione ritiene anche che i concerti più piccoli offrano un'atmosfera migliore, mentre il 30 per cento non coglie questa differenza tra show più o meno grandi.

"Il nostro studio suggerisce un interesse in calo nei confronti dei festival musicali che tendono a durare più di un giorno", commenta il direttore ricerche di YouGov James McCoy. "Ciò è in parte dovuto al minor reddito disponibile del pubblico, anche se molti frequentatori di festival che abbiamo sondato sono stati scoraggiati anche dal cattivo tempo e dalle lunghe code. Al contrario, la ricerca indica che la maggioranza di coloro che assistono a concerti dal vivo non è stata scoraggiata dalla recessione e continuerà ad assistervi nel corso del 2013. Il motivo potrebbe risiedere nel fatto che un concerto unico rappresenta un impegno minore rispetto a un festival, tanto in termini di tempo che di denaro".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.