Da Milano a Londra: Caccia a capo delle filiali europee di Warner Music

Prima l'Italia, poi il Sud Europa ed ora l'Europa continentale. L'escalation internazionale di Gerolamo Caccia Dominioni, unico italiano a ricoprire incarichi di tale prestigio sulla scena discografica mondiale, fa un altro poderoso passo in avanti con l'assunzione della responsabilità diretta di tutte le affiliate europee del gruppo ad eccezione di Gran Bretagna, Germania e Francia (i tre maggiori mercati del continente).
In seguito alla promozione annunciata dal suo diretto superiore, il francese Paul Rene Albertini, a Caccia risponderanno direttamente i presidenti e i managing directors di quindici filiali europee del gruppo Warner, Italia naturalmente inclusa oltre al Regional Office per l'Europa orientale ed il centro di produzione Warner Music Manufacturing Europe, in passato diretto da Stephen Shrimpton (l'impianto, ha spiegato Albertini, “è un elemento vitale nei nostri piani di azione attuali e futuri, ed è molto importante che sia collegato alla nostra struttura europea”).
Per effetto dei nuovi incarichi, Caccia lascia l'Italia dopo 15 anni di carriera nel gruppo Warner (iniziò nell'85, proveniente dalla PolyGram, come direttore finanziario) e si trasferisce presso i quartier generali di Warner Music Europe a Londra, con i quali già dallo scorso anno faceva continuamente la spola.
Appena assunte le nuove responsabilità, Caccia ha provveduto a ritoccare ulteriormente la struttura organizzativa dell'affiliata italiana, affidando a Toto Grasso la responsabilità dell'area New Media e il ruolo di Vice President per l'area Finance alle dirette dipendenze del presidente di Warner Music Italy Massimo Giuliano.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.