Esce per il Manifesto il nuovo album di Pantarei

E’ in uscita per l’etichetta discografica del Manifesto “Tremalaterra”, il nuovo album di Pantarei, gruppo che ha sempre coniugato i suoni del dub e del reggae con la tradizione musicale del sud Italia.

Il nuovo lavoro segna il passaggio a livello di testi dal dialetto alla lingua italiana e, sotto il profilo musicale, un avvicinamento alla forma canzone, pur mantenendo un deciso impatto ritmico. I brani, interamente scritti dalla coppia Leon Pantarei e Fabrizio Cesare, sono prodotti insieme a Basiléos.
Pantarei nasce alla fine del 1995. Il cd d’esordio “Regalentu” (1996) è stato seguito da un lungo tour partito dal palco di Piazza S.Giovanni di Roma nell’ormai tradizionale concerto del 1° Maggio. Il percorso artistico del gruppo è proseguito fra l’altro con un’intensa collaborazione con Teresa De Sio che ha dato vita nel 1998 al tour e all’album “La notte del Dio che balla”, progetto che integrava la trance con la tradizione popolare della Taranta.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.