'Che il Mediterraneo sia', il nuovo progetto di Eugenio Bennato

Prodotto da Rai Trade e pubblicato dall’etichetta romana CNI, è in uscita un nuovo lavoro discografico di Eugenio Bennato intitolato “Che il Mediterraneo sia”, frutto dei viaggi e delle esperienze maturate in questi ultimi anni dal musicista partenopeo nell'ambito del suo precedente progetto, “Taranta power”, una riscoperta del ritmo e della cultura della tarantella. Il nuovo album segna inoltre un'ulteriore tappa del percorso artistico di Bennato, che lo ha portato negli anni Settanta a fondare la Nuova Compagnia di Canto Popolare e poi Musicanova.
“’Che il Mediterraneo sia’", spiega il musicista, "è un'espressione che mi è sorta spontanea guardandomi intorno, alla ricerca di un frammento musicale capace di sintetizzare il momento presente di un percorso iniziato da anni”.
“Le radici del nostro sud", continua, "ci portano direttamente alla favola di un Mediterraneo della pace e degli scambi; quando ho suonato ad Algeri ho visto cadere in un attimo la diffidenza di un pubblico arroccato su posizioni di sospetto verso l'europeo privilegiato e colonizzatore: dopo i primi colpi di tamburello e di chitarra battente i ragazzi algerini si sono sentiti partecipi e protagonisti di una musica che appartiene anche a loro”.
In qualche modo il progetto di Bennato vuole essere anche un modo per contrastare l’industria musicale ancora subalterna alle proposte di matrice anglosassone, come spiega egli stesso: “'Taranta power' e 'Che il Mediterraneo sia' nascono con la prospettiva di partire dalle nostre coste ricche di storia e di poesia ed esportare cultura e arte in tutto il mondo, senza complessi ma con la convinzione di veicolare un impetuoso movimento moderno e contemporaneo”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.