Il padrone del castello irlandese conferma indirettamente il ‘sì’ di McCartney

Il padrone del castello irlandese conferma indirettamente il ‘sì’ di McCartney
Se voleva dire qualcosa non dicendo nulla, c’è riuscito benissimo. Sir John Leslie, il padrone dell’irlandese Leslie Castle presso il quale l’11 giugno dovrebbero sposarsi Paul McCartney ed Heather Mills, ha affermato d’aver sentito dire “vagamente” che la cerimonia dovrebbe svolgersi il prossimo martedì. La volpe ha aggiunto: “Ma è tutto segreto”. Pochi minuti prima la portavoce della tenuta, che si trova nella contea del Monaghan, aveva smentito le voci sul matrimonio dell’ex Beatle. Ma Sir John, che ha 84 anni, ha candidamente ammesso che da alcuni giorni gli operai stanno posizionando luci speciali nelle chiome degli alberi ed erigendo dei tendoni sull’erba. Curiosi di vedere il castello? Nulla di più semplice: www.castle-leslie.ie/location.html
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.