Napster presenta i libri in tribunale

Attività patrimoniali per meno di 10 milioni di dollari, a fronte di debiti dieci volte superiori: sono queste le cifre che i vertici della Web company di Redwood City hanno presentato oggi, lunedì 3 maggio, ai giudici del Delaware per invocare l'applicazione della procedura di concordato fallimentare previsto dalla legge americana. Il provvedimento ha lo scopo di consentire, al minor costo possibile e senza ulteriori complicazioni nei riguardi dei creditori, il passaggio di proprietà della start up californiana al gruppo tedesco Bertelsmann, che un paio di settimane fa (vedi news) ha offerto 8 milioni di dollari per l'acquisto di Napster.
L'operazione resta soggetta all'approvazione degli stessi giudici; intanto ancora nessuna novità filtra a proposito del più volte annunciato e rimandato rilancio del sito nella nuova veste di piattaforma legalizzata per lo scambio di file e il downloading musicale a pagamento.
Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.