Premio Recanati 2002: la seconda serata

Premio Recanati 2002: la seconda serata
Si è tenuta ieri, venerdì 31 maggio, la seconda delle tre serate conclusive del Premio Recanati 2002 (tredicesima edizione della manifestazione organizzata da Musicultura). A Rockol, presente nella persona del suo direttore - presidente della Giuria della Stampa - la manifestazione interessa principalmente in quanto offre un'opportunità a nuovi esponenti della nuova canzone popolare e d'autore: erano oltre 1300 gli iscritti, sono solo otto quelli che sono approdati alle finali. Ieri sera i secondi quattro finalisti si sono sottoposti al giudizio del pubblico (quello presente in sala, quello televisivo di Stream, quello radiofonico di Radio Rai 1: la manifestazione è trasmessa in diretta dalla TV satellitare, con la conduzione di Piero Chiambretti, Massimo Cotto e Gegè Telesforo, e da Radio Rai 1 per bocca di Ernesto Bassignano; le votazioni avvengono via decoder, via internet, via telefono fisso e via SMS).
Il voto del pubblico ha fatto accedere alla finalissima di questa sera - alla quale già erano approdati i Suddando e i Dinamika - anche Eugenio Balzani e i M.I.G.: il primo è un cantautore abbastanza tradizionale, ma almeno capace di mettere insieme qualcosa che assomiglia a una canzone; i secondi sono un discreto gruppo che fa molto affidamento sull'istrionismo del frontman Luciano D'Abbruzzo. I due “eliminati” di ieri sono stati Candida Nieri (una voce originale e interessante mal servita dalle due canzoni presentate) e il simpatico, ma inconsistente, Stefano Ferrari.
Ieri sera sono stati anche consegnati i primi premi speciali. La borsa di studio di 2582 Euro per la miglior parte letteraria (offerta dal Premio Grinzane Cavour in base alle indicazioni fornite da una giuria di studenti dell'Università di Camerino) è stata assegnata a Luca Maggiore; le borse di studio da 2582 Euro per la migliore interpretazione (offerta dall'Imaie) e per la migliore musica (offerta dalla Amiata Records) sono state entrambe consegnate a Patrizia Laquidara, che ricevendo la seconda ha voluto condividerla sul palco con l'autore della musica della sua canzone, Bungaro.
C'è ancora una borsa di studio da assegnare, ed è quella connessa alla Targa della Critica: sono 16 i giornalisti presenti che hanno votato, giovedì e venerdì, gli ottofinalisti, e la Targa sarà consegnata a chi avrà ottenuto la media-voto più alta. Al momento, è curioso notare che i riconoscimenti “qualitativi” hanno premiato concorrenti eliminati dal voto “popolare”; il che non stupirebbe in sé, se non per il fatto - questo sì singolare - che gli addetti ai lavori per questa volta si sono dimostrati meno snob-intellettual-colti del consueto. Resterebbe da capire nei dettagli il meccanismo delle votazioni del pubblico, che sono regolate da un complesso sistema di correttivi, parametri e coefficienti per poter comparare voti del pubblico in sala, voti via SMS, voti via decoder e voti via telefono fisso; proveremo a farcelo spiegare nel pomeriggio.
Le serate del Premio Recanati prevedono anche l'esibizione di ospiti di nome consolidato: ieri sera sono saliti sul palco del Policentro Alex Britti, Macina con The Gang e il capoverdino Bana “The King” (tutti, in diverso modo, hanno offerto momenti di piacevole intrattenimento musicale); troppo lunga, troppo pretenziosa e troppo noiosa, invece, la parte della serata che ha ospitato le declamazioni poetiche di Antonella Anedda, Silvia Caratti e Umberto Piersanti.
Questa sera, sabato 1 giugno, i quattro finalisti (Dinamika, Suddando, M.I.G. e Eugenio Balzani) si contenderanno la borsa di studio riservata al vincitore assoluto (del valore di 20.658 Euro); ospiti della serata saranno Salvatore Adamo, Gabriella Ferri, Fernanda Pivano, Eugenio Finardi e Francesco di Giacomo con Marco Poeta e Argentina Santos, e Francesco Baccini.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.