Pirateria in Italia: 300 milioni di mancato fatturato per il settore musicale

Pirateria in Italia: 300 milioni di mancato fatturato per il settore musicale

Pirateria e contraffazione, in Italia, sottraggono il 37 per cento dei guadagni all'industria dell'audiovisivo, secondo una riceca Ipsos i cui risultati sono stati resi noti in occasione dell'incontro nazionale dedicato agli "Stati generali sulla lotta alla contraffazione" che si è tenuto ieri, 19 novembre, al Palazzo delle Stelline di Milano alla presenza del ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera. In base a uno studio condotto da Tera Consultants, invece, nel settore musicale il "falso" (rappresentato ormai per il 90 per cento dalle forme di condivisione e distribuzione illegale su Internet) equivale a 300 milioni di euro di mancato fatturato.

"In assenza di cambiamenti significativi delle politiche pubbliche e considerata la crescita delle perdite legate alla pirateria su base annua, nel 2013 prevediamo di lasciare sul campo, tra impatti diretti e indiretti, qualche migliaio di persone e diverse centinaia di milioni di euro di perdite di fatturato", ha commentato Marco Polillo, presidente di Confindustria Cultura Italia che associa enti di categoria del settore musicale, editoria e stampa, videogiochi, produzione televisiva, cinema e spettacolo. "Questo si traduce in un depauperamento della filiera", ha aggiunto, "con decine di aziende che sono a rischio sopravvivenza. Il Governo e l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni traggano le dovute conseguenze su un fenomeno che, al di là dello strumentale dibattito sulla rete libera, ha già messo in ginocchio un'eccellenza del nostro Paese: la cultura e la creatività italiana, che sono il cuore del Made in Italy".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.